Ministère de la culture Inrap

Stampa il programma

Select your region or print the program.

276 risultati
Abruzzo, Chieti, Chieti

Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo - Villa Friegerj

via Guido Costanzi
66100 Chieti

https://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=61&nome=museo-archeologico-nazionale-dabruzzo-v

l museo ha sede a Chieti in una elegante villa neoclassica progettata dall’architetto napoletano Errico Riccio per volere del barone Ferrante Frigerj nel 1830. Nel 1959, grazie all’interessamento dell’allora soprintendente archeologo Valerio Cianfarani, è diventato museo archeologico nazionale. All’interno, è esposta la più importante raccolta archeologica abruzzese, con criteri espositivi che privilegiano gli aspetti etnici e topografici delle antiche popolazioni della regione. Al piano terra il visitatore potrà ammirare il famoso Guerriero di Capestrano, un capolavoro artistico del VI secolo a.C., al quale è dedicata la sala 'Al di là del tempo'.

Visita guidata

Dallo scavo al museo. Curiosità e aneddoti
In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, si propone un percorso narrativo per conoscere la storia del museo archeologico attraverso le storie dei suoi protagonisti: dalla villa ottocentesca del barone Ferrante Frigerj al primo museo archeologico statale dell'Abruzzo voluto dal Soprintendente Valerio Cianfarani ed inaugurato nel 1959 alla presenza del Presidente della Repubblica. A cura di musA Connessioni per la Cultura.
Attività gratuita per adulti e bambini.
Prenotazione obbligatoria: whatsapp 3396762505
Accesso al museo: gratuito fino a 18; a pagamento dai 18 anni in su.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 17:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, Chieti, Chieti

Museo Archeologico Nazionale - La Civitella

via Generale Pianell
66100 Chieti

https://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=316&nome=museo-archeologico-nazionale-la-civite

Il museo sorge su di un'altura che domina Chieti, un tempo luogo acropoli della città di Teate. L’area è stata livellata a metà Ottocento per creare una piazza d’armi, poi convertita in campo sportivo. Le ricerche del secolo scorso hanno portato alla luce i resti di un santuario che comprendeva tre templi della metà del II sec. a.C. e l'anfiteatro, costruito nel I sec. d.C. con una drastica opera di sbancamento delle costruzioni più antiche. L’edificio museale, progettato dall’architetto Ettore de Lellis, è stato inaugurato il 18 novembre 2000 per permettere l’adeguata tutela, valorizzazione e fruizione dei templi, dell’anfiteatro e dei reperti provenienti dagli scavi di questi ultimi e dalle indagini archeologiche di Chieti e dell’area marrucina.

Workshop

Storie dalla terra
Laboratorio di scavo archeologico: attraverso la simulazione di uno scavo archeologico impariamo a riconoscere i reperti e a scoprirne l’utilità come fonti per ricostruire la storia. A cura di musA Connessioni per la Cultura.
Età consigliata: dai 7 anni in su.
Prenotazione obbligatoria via WhatsApp al n.338/4425880 entro le ore 13.00 del giorno precedente.
Attività gratuita.
Ingresso al museo: gratuito fino a 18 anni; a pagamento dai 18 anni in su.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 16:00 à 17:00

Bambini

Abruzzo, L'Aquila, Celano

Castello Piccolomini-Collezione Torlonia e Museo d'Arte Sacra della Marsica

largo Cavalieri di Vittorio Veneto
67043 Celano

https://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=62&nome=castello-piccolomini-collezione-torloni

Il castello si affaccia maestoso sulla piana del Fucino, un tempo occupata dal terzo lago più grande d'Italia. Protetto da una possente cinta muraria segnata da camminamenti e bastioni, è costituito da un blocco centrale di forma rettangolare e da quattro torri angolari. Nacque come fortezza militare alla fine del Trecento per volontà di Pietro, conte di Celano; fu poi ampliato dalla nipote Covella insieme al marito Leonello Acclozamora. Venne completato e trasformato in palazzo residenziale da Antonio Todeschini Piccolomini, nipote di Papa Pio II.
Altre famiglie aristocratiche si alternarono nel corso dei secoli, fino a divenire proprietà demaniale nel 1938. Nel disastroso sisma del 1915, la struttura riportò gravi danni. Nel 1940 iniziarono i lavori di ricostruzione, terminati nel 1960

Workshop

Archeopittura
Laboratorio didattico per la conoscenza delle modalità di produzione del colore nell’antichità. I partecipanti avranno la possibilità di utilizzare pigmenti naturali con i quali realizzeranno, su supporti differenti, la loro pittura.
A cura di musA Connessioni per la Cultura.
Età consigliata: 6-10 anni.
Attività gratuita.
Ingresso al museo: gratuito fino a 18 anni; a pagamento dai 18 anni in su.
Informazioni al 340.3265746

Gratuito

Sabato 17 giugno de 11:00 à 12:00

Bambini

Accessibilità

Disabilità mentale

Attività adatta a persone con disabilità cognitiva lieve.

Abruzzo, L'Aquila, L'Aquila

Catacombe di San Vittorino e chiesa di S. Michele Arcangelo

Via della Chiesa, San Vittorino L'Aquila

www.archeoclublaquila.it

“Al di sotto della chiesa di S. Michele Arcangelo che presenta varie fasi costruttive tra cui quella del XII secolo, si trovano le Catacombe in cui si accede scendendo dalla chiesa vecchia. Si tratta di un cimitero sotterrano, preziosa testimonianza dei primi anni del Cristianesimo sorto intorno alla tomba di San Vittorino Martire del III secolo. Il monumento dedicato al Santo, restaurato nel 1940, ha un eccezionale valore in quanto conserva decorazioni paleocristiane risalenti al V secolo.
Le Catacombe sono costituite da un’ampia galleria su cui si aprono tre vani collegati ad altre tre grotte, la chiesa nel suo complesso è ricca di testimonianze pittoriche del XIV_XV secolo e di frammenti architettonici di epoca romana e alto medievale.

Visita guidata

visita guidata a cura di guide autorizzate dal Vaticano
visita della attuale chiesa di S. Michele Arcangelo, della chiesa vecchia e delle catacombe
18 giugno ore 16.00 primo turno (max 30 persone)
ore 17.00 secondo turno (max 30 persone)
per l'occasione costo del biglietto ridotto a 5,00 euro
è gradita la prenotazione a: archeoclublaquila@virgilio.it

5.00 €

Domenica 18 giugno de 16:00 à 17:00 et de 17:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, L'Aquila, Cansano

Santuario di Ocriticum

Via della Difesa 67030 Cansano

L’imponente area sacra conserva le tracce di tre templi realizzati in epoche differenti: sul terrazzo principale ci sono quelli dedicati a Ercole e Giove. Sul terrazzo inferiore era il piccolo recinto con tempietto dedicato a divinità femminili (Cerere e Venere). Posto in posizione privilegiata poiché lungo una grande arteria viaria che attraversava la Conca Peligna per giungere al Sannio, il santuario ha restituito importanti testimonianze della sua storia, esposte nel Museo Nazionale di Villa Frigerj a Chieti, nel Museo Archeologico di Sulmona e nel Centro di Documentazione di Cansano.

Visita guidata

In ascolto del dio
Nell’ambito del progetto di turismo esperienziale “La via sacra dei Peligni”, sostenuto e finanziato dalla Fondazione Carispaq, dopo un breve percorso dal borgo di Cansano al parco archeologico di Ocriticum, il visitatore sarà accompagnato alla scoperta dell’antico santuario da una guida esperta, con intermezzi musicali e letture; il connubio permetterà non solo di conoscere l’area archeologica in stretto rapporto con il territorio circostante, ma anche di vivere l'esperienza di un concerto immersi nella natura.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 18:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, L'Aquila, Celano

Castello Piccolomini-Collezione Torlonia e Museo d'Arte Sacra della Marsica

largo Cavalieri di Vittorio Veneto 67043 Celano (AQ)

https://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=62&nome=castello-piccolomini-collezione-torloni

Il castello si affaccia maestoso sulla piana del Fucino, un tempo occupata dal terzo lago più grande d'Italia. Protetto da una possente cinta muraria segnata da camminamenti e bastioni, è costituito da un blocco centrale di forma rettangolare e da quattro torri angolari. Nacque come fortezza militare alla fine del Trecento per volontà di Pietro, conte di Celano; fu poi ampliato dalla nipote Covella insieme al marito Leonello Acclozamora. Venne completato e trasformato in palazzo residenziale da Antonio Todeschini Piccolomini, nipote di Papa Pio II.
Altre famiglie aristocratiche si alternarono nel corso dei secoli, fino a divenire proprietà demaniale nel 1938. Nel disastroso sisma del 1915, la struttura riportò gravi danni. Nel 1940 iniziarono i lavori di ricostruzione, terminati nel 1960.

Workshop

Archeogiochi e giochi ritrovati
Sin dalla preistoria l’uomo ha capito quanto fosse importante il gioco nella crescita dei bambini, in quanto esso rappresenta un esercizio fondamentale ed ha un ruolo cruciale nella strutturazione della personalità dell’individuo. Bambini e ragazzi moderni si trovano sempre più a vivere le loro ore di svago in realtà virtuali perdendo il contatto con il mondo esterno e l’interazione con il proprio territorio, con la conseguenza di un impoverimento anche della capacità di socializzazione.
Per questo è stato dedicato uno spazio per loro e per le loro famiglie, dove poter giocare, immaginare, sorprendersi, ispirarsi alla tradizione antica e divertirsi con diversi giochi antichi che saranno messi a disposizione in un percorso strutturato. Ci saranno, infatti, varie postazioni dove giocare in squadra o singolarmente, riscoprendo giochi preistorici e antichi.
Le finalità del laboratorio sono comprendere come i bambini, sin dall'antichità, abbiano saputo divertirsi giocando e far acquisire ai partecipanti nuove capacità di apprendimento.
Laboratorio dai 6 anni in su.
Costo: 5 euro a persona.
Partecipanti: minimo 10. Per le prenotazioni inviare un'e-mail all'indirizzo turismo@ambeco.org.
Ingresso al museo: gratuito fino a 18 anni; a pagamento dai 18 anni in su.
A cura dei concessionari dei servizi educativi associazione AntiquaE in partenariato con AMBeCO’-Lanciavicchio-ASAS-The Factory.

5.00 €

Sabato 17 giugno de 16:00 à 18:00

Famiglie

Accessibilità

Disabilità mentale

Abruzzo, L'Aquila, Luco dei Marsi

Un pomeriggio con la dea Angizia

Strada del Cimitero

Laboratorio per bambini e bambine

Workshop

Laboratorio per bambini e bambine
Laboratorio nei luoghi della dea Angizia: archeologia e creatività per un pomeriggio di divertimento.
Prenotazione obbligatoria tel. 339-7431107 (Coop. Limes)

Gratuito

Sabato 17 giugno de 15:00 à 16:30

Bambini

Abruzzo, L'Aquila, Avezzano

Terra levis. Le necropoli della Marsica

Aia dei Musei Via Nuova 33

Visita guidata a cura di E. Ceccaroni (archeologa Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio Aq-Te) in collaborazione con l'Aia dei Musei

Visita guidata

Terra levis. Le necropoli della Marsica
Visita guidata alla mostra dedicata ad alcune necropoli della Marsica.
Dai dischi di bronzo femminili ai letti funerari in osso, un breve ma intenso percorso nei luoghi e nelle abitudini di coloro che abitarono la Marsica, lungo le sponde del lago Fucino.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 17:00 à 18:30

Qualunque pubblico

Abruzzo, L'Aquila, Corfinio

Museo civico archeologico Antonio De Nino

7, Via Zambeccario, 67030 Corfinio

Archeologia a Corfinio: conoscenza, tutela e valorizzazione. Le GEA sono l'occasione per riunire tutti gli attori impegnati a vario titolo (Sabap Aq Te, Università, Nucleo TPC) nelle attività di ricerca tutela e valorizzazione nel territorio comunale.

Conferenza

Archeologia a Corfinio: Conoscenza, tutela, valorizzazione

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 10:00 à 13:30

Qualunque pubblico

Abruzzo, L'Aquila, Fossa

Necropoli di Fossa

via Massimo d'Aveia
67020 Fossa AQ, Italie

La necropoli di Fossa è uno dei principali siti archeologici del centro Italia. Le tombe più antiche, risalenti alla prima età del Ferro sono costituite da grandi tumuli delimitati da circoli di pietre collegati, nel caso delle sepolture maschili, a stele lapidee infisse verticalmente nel terreno. Dal VI sec. a.C. si afferma l’uso della tomba a fossa. Nel II-I sec. a.C. vengono realizzate monumentali tombe a camera tra i cui oggetti di corredo sono presenti i letti funerari decorati con elementi in osso.

Visita guidata

Cantiere aperto: lo scavo archeologico nella necropoli di Fossa
Visite guidate
mattino: dalle ore 10.00 alle ore 12.00
pomeriggio: dalle ore 15.00 alle ore 17.00
In collaborazione con l'Università degli Studi dell'Aquila e con il Comune di Fossa
Per info: alberta.martellone@cultura.gov.it

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 17:00 Venerdì 16 giugno de 10:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

Necropoli di Fossa
Visita guidata ore 11.00
Nell'ambito del progetto “Il futuro è bambino“ promosso da AIBI Associazione Amici dei Bambini
In collaborazione con TeatroZeta e con il Comune di Fossa
Per info: alberta.martellone@cultura.gov.it

Gratuito

Domenica 18 giugno de 11:00 à 12:00

Bambini, Famiglie, Adulti

Abruzzo, L'Aquila, San Benedetto dei Marsi

Abitare in città. La domus e i lavori in corso

Corso Vittorio Veneto

http://su-aq.beniculturali.it/

La città che vive al di sotto di San Benedetto dei Marsi

Visita guidata

Abitare in città. La domus e i lavori in corso
Nell'antica Marruvium, oggi San Benedetto dei Marsi, la domus di Corso Vittorio Veneto ha conservato i piani pavimentali in mosaico con decorazioni raffinate.
La visita attraversa l'intera abitazione, oggetto di operazioni di conservazione da parte di allieve dell'Accademia di Belle Arti - Aq.

Gratuito

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

accesso persone con disabilità motoria

Abruzzo, L'Aquila, Avezzano

Abitare in campagna. La villa romana di Avezzano

via Tiburtina Valeria km 112,500

Nell'antica campagna della città romana di Alba Fucens,
visite guidate, negli orari indicati, ai luoghi abitati e produttivi.

Visita guidata

Abitare in campagna. La villa romana di Avezzano
Un percorso all'interno di una villa di epoca romana, tra gli ambienti residenziali e gli spazi produttivi, tornati alla luce durante le campagne di scavo preventive, condotte dalla Soprintendenza prima della realizzazione del Centro commerciale. Il mosaico del triclinium, quasi completamente integro, conserva una raffinata decorazione in tessere policrome e bianco/nere.
In collaborazione tra Soprintendenza ABAP Aq-Te, Centro Commerciale “I Marsi“ e Coop. Limes.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:30 à 13:00 Domenica 18 giugno de 15:30 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Accesso persone con mobilità ridotta

Abruzzo, L'Aquila, L'Aquila

Casa della Cultura di Onna

Via dei Martiri Onna
67100 Onna, Province of L'Aquila, Italie

I Vestini tra L'Aquila e Onna.
Esposizione di reperti provenienti dalla necropoli vestina di Bazzano (VIII-I sec. a.C.)

Visita guidata

Visita guidata
Nell'ambito del progetto “Il futuro è bambino“ promosso da AIBI Associazione Amici dei Bambini
“I Vestini tra L'Aquila e Onna“
ore 15.00
In collaborazione con:
TeatroZeta, Centro Sociale Anziani Onna,
Proloco di Onna e
Associazione Onna Onlus
Per info: alberta.martellone@cultura.gov.it

Gratuito

Sabato 17 giugno de 15:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visita guidata
“I Vestini tra L'Aquila e Onna“
Mostra
mattino: dalle ore 10.00 alle ore 12.30
pomeriggio: dalle ore 15.00 alle ore 18.30
In collaborazione con:
TeatroZeta, Centro Sociale Anziani Onna,
Proloco di Onna e
Associazione Onna Onlus
Per info: alberta.martellone@cultura.gov.it

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:00 à 18:30 Sabato 17 giugno de 10:00 à 18:30

Qualunque pubblico

Abruzzo, L'Aquila, Barrea

"Confini. Incontri di Culture"

Castello monumentale, centro storico, 67030 Barrea (AQ)

http://su-aq.beniculturali.it/, https://www.comune.barrea.aq.it/

Convegno aperto al pubblico presso il Castello monumentale.
Il Castello di Barrea domina con la sua mole il centro storico e la sottostante valle, oggi occupata dal lago. Della struttura sopravvivono due torri: una a base circolare e l’altra a base quadrata, parte dell'originario perimetro difensivo della roccaforte. Realizzato nell'XI secolo sotto forma di un unico nucleo difensivo, venne distrutto e ricostruito nel XIII secolo; nel secolo successivo venne aggiunto il secondo torrione. Passato di mano in mano tra i signori che hanno dominato il paese e danneggiato dal terremoto del 1984, è stato ristrutturato e riaperto al pubblico nel 2006.

Conferenza

“Confini. Incontri di culture“
Convegno aperto al pubblico - in collaborazione con la Soprintendenza ABAP per le Province di Chieti e Pescara, il Comune di Barrea, i Carabinieri Nucleo TPC dell'Aquila e il Parco Nazionale D'Abruzzo, Lazio e Molise.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:30 à 17:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Accesso persone con mobilità ridotta

Abruzzo, L'Aquila, L'Aquilla

Area archeologica di Amiternum

Frazione San Vittorino - SS80 - 67100 L'Aquila (AQ)

https://www.beniculturali.it/luogo/area-archeologica-di-aminternum

L’area archeologica è costituita dalle zone del teatro e dell'anfiteatro che rappresentano la parte oggi visibile di un organico impianto urbano, sviluppatosi in diverse fasi. Il villaggio italico era situato sul colle di San Vittorino, mentre la successiva città si sviluppò in pianura lungo la via Caecilia a partire dalla metà del Ill sec. a.C., in seguito conquista romana della terra sabina e all'istituzione della praefectura. Tra III sec. a.C. e IV sec. d.C. Amiternum rappresentò il riferimento politico e amministrativo per la serie di vici sparsi nel territorio, essendo dotata di numerosi “servizi“ urbani, come il teatro, l'anfiteatro, etc. La grandiosità della città è testimoniata anche dalla presenza di necropoli lungo la viabilità extraurbana.

Visita guidata

Visite guidate ad Amiternum
16 giugno, ore 10:00, visita guidata a cura del dott. Alessandro Delfino, archeologo del MuNDA (inizio del percorso: area del teatro); sabato 17 giugno ore 10:00, visita guidata da parte del Prof. Alfonso Forgione docente di Archeologia Cristiana e Medievale dell'Università degli Studi dell'Aquila (inizio del percorso: area del teatro). Non è necessaria la prenotazione. Le visite e l'accesso all'area archeologica sono gratuite.
Per informazioni chiamare 0871 331668.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, Pescara, Catignano

Catignano - Pescara - Una pagina importante della preistoria europea: Catignano e la sua cultura neolitica

Ex Convento di San Francesco
Piazza San Francesco
Catignano Pescara

UNA PAGINA IMPORTANTE DELLA PREISTORIA EUROPEA
CATIGNANO E LA SUA CULTURA NEOLITICA

Il convegno giunto alla terza edizione, è organizzato dal Comune di Catignano e dall’Archeoclub d’Italia di Cepagatti APS, con la Soprintendenza ABAP per le province di Chieti e Pescara, il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa, il DiLASS dell’UdA G. D’Annunzio CH-PE, il Museo Universitario dell’UdA G. DAnnunzio CH-PE, l’Archeoclub d’Italia di Pescara APS e altre associazioni locali. Oltre ai convegni dedicati principalmente alla Cultura neolitica di Catignano e non solo, con raffronti nazionali ed esteri, laboratori di tessitura, di tintura naturale, di scheggiatura della selce e tecniche di digitalizzazione 3D di reperti.

Conferenza

Conferenza Neolitico agricoltura
Carlo Tozzi - Archeologo Università di Pisa
L’origine dell’agricoltura nel Vicino Oriente e la sua diffusione verso occidente e a Catignano

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 10:30 à 11:15

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie

ascolto conferenza

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Conferenza

Conferenza Neolitico sud Italia
Giovanna Radi - Archeologa dell'Università di Pisa
Le ceramiche dipinte nel sud della penisola e i rapporti con Catignano

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 11:15 à 12:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Workshop

Tessitura preistorica
Tessitrice Valeria Belli La tessitura nel neolitico su telaio verticale ricostruito e tavolette
Laboratorio Filiforme Tessitura di Valeria Belli

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 15:00 à 18:30 Sabato 17 giugno de 12:00 à 12:45 et de 17:15 à 18:15

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Workshop

Tintura naturale filati
Le piante tintorie locali per le fibre naturali, lino, lana..

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 15:00 à 18:30 Sabato 17 giugno de 12:00 à 12:45 et de 17:15 à 18:15

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Esposizione

Esposizione di reperti archeologici dal neolitico al medioevo
dottoressa Anna Dionisio - Archeologa – Funzionario Sabap Province Chieti e Pescara –
Visita nel deposito territoriale reperti archeologici della Val di Nora, con possibilità di visionare i pezzi originali di Catignano, Cepagatti, Nocciano e Rosciano e toccare le copie dei vasi di Catignano.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 15:30 à 18:30

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Primo piano deposito archeologico, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Conferenza

Conferenza Neolitico Catignano
Marta Colombo - archeologa - Funzionario Sabap province di Lucca e Massa Carrara
L'argilla non è solo per i vasi: rappresentazioni di uomini e animali nella Cultura di Catignano

Gratuito

Sabato 17 giugno de 09:30 à 10:15

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Conferenza

Conferenza Neolitico marchigiano
Gaia Pignocchi - Archeologa
Università di Camerino (MC)
La fase tarda del Neolitico antico marchigiano a Ceramica Impressa: quali rapporti con Catignano?

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:15 à 11:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Contenuto digitale

Digitalizzazione 3D reperti archeologici
Rocco D'Errico - Archeologo -
Università G. D’Annunzio CH-PE – CENTRO DI ATENEO DI ARCHEOMETRIA E MICROANALISI (CAAM)
Archeologia a più dimensioni: Tecniche di digitalizzazione 3D per lo studio e la valorizzazione dei reperti archeologici –

Gratuito

Sabato 17 giugno de 11:30 à 12:45 et de 17:15 à 18:15

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Primo piano deposito archeologico, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Workshop

Selce scheggiatura
Giovanni Bertolani – Archeologo -
La scheggiatura della selce nella preistoria – Disegno archeologico reperti

Gratuito

Sabato 17 giugno de 11:30 à 12:45 et de 17:15 à 18:15

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

L'evento è svolto sulla piazzetta esterna dell'ex Convento San Francesco ed è accessibile anche a persone con mobilità ridotta

Conferenza

Conferenza Neolitico a Cipro
Oliva Menozzi, Silvano Agostini, Alessandra Ciarico, Eugenio Di Valerio
Agia Marina: ricerche geo archeologiche dell'Università di Chieti in un sito neolitico tra i più antichi di Cipro in corso di scavo. l’Università di Chieti lavora in un territorio ricco di siti nella Cipro meridionale, Agia Marina, un sito del Neolitico Aceramico. Conserva strutture in notevole alzato realizzate in mattoni crudi, con pavimenti in plaster e planimetrie circolari. Di recente è stata rinvenuta anche una sepoltura intatta, proprio al di fuori di una delle abitazioni. Le analisi archeometriche, paleobotaniche e archeozoologiche, stanno rivelando aspetti inaspettati e curiosi.

DiLASS - Università Gabriele D’Annunzio Chieti Pescara

Gratuito

Sabato 17 giugno de 15:30 à 16:30

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Conferenza

Archeo antropologia delle reliquie
Ruggero D’Anastasio – Archeo antropologia delle reliquie
Antropologo - Museo Universitario – Università Gabriele D’Annunzio Chieti Pescara

Gratuito

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Conferenza

L’Agricoltura in Abruzzo nel neolitico
Aurelio Manzi – Naturalista e botanico
L’Agricoltura in Abruzzo nel neolitico

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:00 à 10:45

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Conferenza

Biorestauro e sostenibilità
Giancarlo Ranalli –
Microbiologo - Dipartimento Bioscienze e Territorio Università del Molise
Biorestauro e sostenibilità

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:45 à 11:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Conferenza

Microscavo e restauro reperti
Rossella Calanca – Archeologa e restauratrice -
Il recupero dei reperti archeologici nel microscavo in laboratorio e gli aspetti problematici della loro ricomposizione e integrazione.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 12:00 à 12:45

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Conferenza

Tavola rotonda con i relatori, i sindaci e i rappresentanti di tutte le associazioni partecipanti per una programmazione delle attività future.
Tavola rotonda con i relatori, i sindaci e i rappresentanti di tutte le associazioni partecipanti per una programmazione delle attività future.
Coordina il funzionario della SABAP Anna Dionisio

Gratuito

Domenica 18 giugno de 15:00 à 16:30

Adulti, Scuole

Scuole :

Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Auditorium piano terra ex Convento San Francesco, accesso anche per persone con mobilità ridotta

Abruzzo, Pescara, Castiglione a Casauria

Abbazia di San Clemente a Casauria

via di S. Clemente
65020 Castiglione a Casauria

https://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=742&nome=abbazia-di-san-clemente-a-casauria

L’abbazia sorge lungo l’antico percorso della via Claudia Valeria. La fondazione risale all’871 per volere dell’imperatore Ludovico II, mentre la sua trasformazione in chiave monumentale avvenne con l’abate Leonante che, a partire dal 1176, fece arricchire il complesso di magnifiche decorazioni. Il sisma del 1456 portò ad una progressiva decadenza dell’abbazia, fino al completo abbandono dovuto all’arrivo delle truppe napoleoniche nel 1799. Il rinato interesse per il complesso abbaziale si deve a Pier Luigi Calore, un intellettuale interessato al recupero del monumento già alla fine dell’Ottocento. L’abbazia è stata oggetto di numerosi interventi di restauro nel corso del Novecento e nel 2013 si è arricchita di un Antiquarium.

Degustazione

Un sorso nel passato
Un insolito percorso alla scoperta del territorio e del suo sorprendente patrimonio archeologico ed enologico grazie agli interventi dell'archeologo Guido Palmerini, degli studiosi Franco Marulli e Alfonso Creato e dell'enologo Concezio Marulli. A seguire degustazione di vini offerti dalla Cantina Zaccagnini.
Evento gratuito.
E' gradita la prenotazione al numero 085 888 5162.
A cura di Emanuele Cavallini (DRM Abruzzo, direttore dell'Abbazia) e Marina M.S. Nuovo (DRM Abruzzo, funzionario archeologo) in collaborazione con l'Archeoclub di Piano d'Orta e la Cantina Zaccagnini.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 17:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, Teramo, Teramo

Teramo - Via S. Antonio

via S. Antonio 64100 Teramo

Visita guidata al cantiere

Visita guidata

Cantiere aperto: i nuovi mosaici di via S. Antonio a Teramo
Turni di ingresso
mattino: ore 10.00, 10.50, 11.40, 12.30
pomeriggio: ore 16.00, 16.50, 17:40, 18:30
In collaborazione con il Comune di Teramo
per info e prenotazioni (obbligatorie) gilda.assenti@cultura.gov.it

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 10:00 à 18:30

Qualunque pubblico

Abruzzo, Teramo, Atri

Atri - Auditorium S. Agostino

41, 57 Corso Elio Adriano 64032 Atri

Conferenza

Conferenza

Conversazioni su archeologia pubblica e legalità: un confronto con la comunità locale
Atri, ore 17.00, Auditorium di S. Agostino
In collaborazione con NTPC dei Carabinieri-L’Aquila e Archeoclub “Pino Zanni Ulisse”-Atri

Gratuito

Sabato 17 giugno de 17:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, Teramo, Teramo

Domus del leone a Teramo

Via Antica Cattedrale 64100 Teramo

Visita guidata in cantiere

Visita guidata

Cantiere aperto: i restauri in corso presso la domus del Leone a Teramo
Turni di ingresso
mattino: ore 09.30, 10.30, 11.30, 12.30; pomeriggio: ore 16.00, 17.00, 18.00, 19.00
In collaborazione con la famiglia Savini
Per info e prenotazioni (obbligatorie): gilda.assenti@cultura.gov.it

Gratuito

Domenica 18 giugno de 09:30 à 19:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, Teramo, Campli

Museo Archeologico Nazionale, Campli

Piazza S. Francesco, 1
64012 Campli (TE)

https://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=67&nome=museo-archeologico-nazionale-di-campli

Il Museo ha sede in alcuni ambienti dell'antico convento di San Francesco, fondato verso la fine del XIII secolo. Si accede attraverso un porticato dove, ancora oggi, è possibile ammirare le pregevoli finestre bifore e il portale polilobato che introduceva alla Sala Capitolare. L'attuale museo venne inaugurato nel 1988 per ospitare i prestigiosi reperti della necropoli di Campovalano, provenienti dalle campagne di scavo iniziate nel 1967.Con l’ausilio di ricostruzioni grafiche e ambientali, il percorso espositivo illustra l’evoluzione del rito funerario presso la comunità di Campovalano di ambito culturale Medio-Adriatico o Piceno. Collegata al Museo è la necropoli di Campovalano, situata nel territorio del comune di Campli, che ha restituito ben 621 sepolture.

Workshop

Detective al museo
Indizi alla mano, i piccoli detective dovranno setacciare il museo alla ricerca di reperti, armati di buona capacità di osservazione, attenzione ai dettagli e un ottimo spirito di squadra!
A cura di musA Connessioni per la Cultura.
Attività gratuita.
Ingresso al museo: gratuito fino ai 18 anni; a pagamento dai 18 anni in su.
Prenotazione obbligatoria entro le 18 di sabato 17 giugno.
Info e prenotazioni: mancampli@musabc.it; telefono: 329 060 70 21 (Daniela).

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:30 à 12:00

Bambini

Basilicata, Matera, Matera

Museo nazionale di Matera - Sede Ridola

24 via Ridola 75100 Matera

https://www.museonazionaledimatera.it/

Il Regio Museo Domenico Ridola fu istituito il 9 febbraio 1911 con Legge del Parlamento (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia il 25 febbraio 1911). La Legge approvava la cessione gratuita allo Stato, da parte dell’illustre medico, archeologo e senatore Domenico Ridola, della sua raccolta archeologica, dapprima ospitata in quattro ambienti del Regio Liceo Classico “E. Duni” e successivamente trasferita nell’ex convento di Santa Chiara, concesso dal Comune di Matera in perpetuo allo Stato. L’impianto espositivo, che ripercorre un arco cronologico che va dal Pleistocene inferiore alle soglie del terzo secolo a.C., è stato concepito in maniera unitaria, con un approccio innovativo, volto a potenziare il ruolo inclusivo del Museo.

Visita guidata

Visite guidate al Museo Ridola
Venerdì 16, Sabato 17, Domenica 18 giugno
Ore 11:00 e ore 17:30: Visite guidate al museo. Prenotazioni necessaria all’indirizzo mn-mt.comunicazione@cultura.gov.it , ingresso con biglietto del Museo

5.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 11:00 à 12:00 Sabato 17 giugno de 11:00 à 12:00 Venerdì 16 giugno de 11:00 à 12:00 Domenica 18 giugno de 17:30 à 18:30 Sabato 17 giugno de 17:30 à 18:30 Venerdì 16 giugno de 17:30 à 18:30

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visite guidate ai depositi del Museo Ridola
Venerdì 16, Sabato 17 giugno
10:00, 13:00, 15:00, 16:30: Visite guidate ai depositi del museo. Prenotazione necessaria all’indirizzo mn-mt.comunicazione@cultura.gov.it (massimo 10 persone a turno), ingresso con biglietto del Museo

5.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 16:30 à 17:00 Venerdì 16 giugno de 16:30 à 17:00 Sabato 17 giugno de 15:00 à 15:30 Venerdì 16 giugno de 15:00 à 15:30 Sabato 17 giugno de 13:00 à 13:30 Venerdì 16 giugno de 13:00 à 13:30 Sabato 17 giugno de 10:00 à 10:30 Venerdì 16 giugno de 10:00 à 10:30

Qualunque pubblico

Conferenza

Lezione al Museo - “La multisensorialità: possibilità e diritto di vivere l'archeologia”
Venerdì 16 giugno Ore 18:00 - sala conferenze: Lezione al Museo “La multisensorialità: possibilità e diritto di vivere l'archeologia” con il Presidente del Museo Tattile Statale Omero, Aldo Grassini.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 18:00 à 19:30

Qualunque pubblico

Workshop

Laboratorio didattico “Fare l’archeologo”
Sabato 17 giugno
Ore 10:00 – 12:00 : Laboratorio didattico “Fare l’archeologo” per bambini dagli 8 ai 10 anni, organizzato in collaborazione con il Cea - Centro Educazione Ambientale di Matera. Prenotazione necessaria al numero 388 89 25 456, ingresso gratuito fino a esaurimento posti

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 12:00

Bambini

Basilicata, Potenza, Melfi

Museo archeologico nazionale "Massimo Pallottino"

Via Normanni, 85025, Melfi, Potenza

Alle Giornate Europee dell’Archeologia 2023, il Museo Archeologico Nazionale “Massimo Pallottino” di Melfi dedica due appuntamenti. Iniziamo venerdì 16 giugno ore 10.00 con la Caccia al tesoro nel Museo. L’iniziativa intende essere un incontro di educazione museale dedicato ai bambini delle classi 4 e 5 primarie. La preziosa presenza di un’antropologa museale arricchirà questo incontro.
Sabato 17 giugno pubblicheremo sul sito web del museo il progetto “Digital Twins” fortemente voluto dalla Direzione Regionale Musei Basilicata e dal Museo “Massimo Pallottino” insieme all’I.I. S. “Ten. R. Righetti” di Melfi, in collaborazione con la Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Basilicata.

Accoglienza di gruppi scolastici

Caccia al tesoro nel Museo
“Caccia al tesoro nel Museo“. L’iniziativa, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Statale “P. Berardi-F.S. Nitti” di Melfi, intende essere un incontro di educazione museale dedicato ai bambini delle classi 4 e 5 primarie. Ad ogni bambino sarà distribuita la scheda con la foto dell'oggetto esposto da ricercare comprensiva di un breve testo in rima per facilitare la “caccia“. La preziosa presenza di un’antropologa museale arricchirà questo incontro.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 10:00 à 13:00

Bambini

Scuole :

Elementari

Basilicata, Potenza, Melfi

Museo archeologico nazionale "Massimo Pallottino"

Via Normanni, 85025, Melfi, Potenza

Alle Giornate Europee dell’Archeologia 2023, il Museo Archeologico Nazionale “Massimo Pallottino” di Melfi dedica due appuntamenti. Iniziamo venerdì 16 giugno ore 10.00 con la Caccia al tesoro nel Museo. L’iniziativa, in collaborazione con l’I.C.S. “P. Berardi-F.S. Nitti” di Melfi, intende essere un incontro di educazione museale dedicato ai bambini delle classi 4 e 5 primarie. La preziosa presenza di un’antropologa museale arricchirà questo incontro.
Sabato 17 giugno pubblicheremo sul sito web del museo il progetto “Digital Twins” fortemente voluto dalla Direzione Regionale Musei Basilicata e dal Museo “Massimo Pallottino” insieme all’I.I. S. “Ten. R. Righetti” di Melfi, in collaborazione con la Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Basilicata, e in rete con il Comune di Melfi

Contenuto digitale

Digital Twins
“Digital Twins” è il modello digitale del museo, realizzato dagli studenti dell'I.I.S. “Ten. R. Righetti“ di Melfi che consente al museo di essere ancora più inclusivo e fruibile attraverso la visita virtuale dell’ambiente museale ricreato. Con queste iniziative intendiamo rendere sempre più inclusivo ed accessibile il museo per favorire la conoscenza e la valorizzazione del nostro straordinario patrimonio.

Gratuito

Qualunque pubblico

Calabria, Cosenza, Cosenza

Cosenza

Centro storico 87100 Cosenza

www.laviapopilia.it

Archeocena Brettia.
Degustazioni di archeocucina e spettacolo con rievocatori storici in costume brettio e romano

Degustazione

Archeocena Brettia
Degustazioni di archeocucina

Gratuito

Sabato 17 giugno de 20:00 à 23:00

Qualunque pubblico

Calabria, Cosenza, Cosenza

Gran Caffè Renzelli

Corso Telesio

Presentazione del progetto “Archeocena Brettia“

Conferenza

Presentazione del progetto “Archeocena Brettia“
Presentazione dettagliata del progetto riferito all'organizzazione di una archeocena con specifico riferimento al periodo brettio

Gratuito

Sabato 17 giugno de 18:00 à 19:30 à 19:30

Adulti

Calabria, Cosenza, Cosenza

Museo dei Brettii e degli Enotri

Salita S. Agostino, 3

http://www.museodeibrettiiedeglienotri.it

In occasione delle Giornate Europee dell'Archeologia il Museo dei Brettii e degli Enotri, il Museo archeologico della città di Cosenza, garantisce l'ingresso al costo ridotto di € 3,00

Calabria, Crotone, Crotone

Museo Archeologico Nazionale di Crotone

Museo Archeologico Nazionale di Crotone
Via Risorgimento, 14, 88900 Crotone

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, il Museo Archeologico Nazionale di Crotone propone una serie di iniziative rivolte ad un ampio pubblico.

Venerdì 16 Giugno ci sarà un dibattito che vedrà gli esperti del settore archeologico esporre lo stato dell’arte in merito all’archeologia nel territorio crotonese.

Sabato 17 Giugno, in collaborazione con le associazioni che gestiscono il Castello di Carlo V, verrà fatta vivere, a bambini e adulti, l’esperienza di una giornata da Archeologo.

Domenica 18 Giugno si chiuderanno le attività in compagnia dell’orafo Antonio Affidato, con un laboratorio di scultura, seguito dalla visita della mostra “Rara Avis“, contenente le sue opere, esposte presso il Museo Archeologico Nazionale di Crotone.

Visita guidata

Visita guidata Sito Archeologico BPER
“Archeologia ed Antica Kroton: La parola agli Archeologi“

Nel primo giorno di attività si terrà, all'interno della Sala Consiliare del Comune di Crotone, un dibattito che vedrà gli esperti del settore archeologico esporre lo stato dell’arte in merito all’archeologia nel territorio crotonese.

Alla fine del dibattito, il Dott. Ruga ci accompagnerà a visitare il sito archeologico della BPER Banca: una vasta area archeologica di circa 750 mq, ubicata al piano interrato dell’immobile attualmente sede della banca.

Qui, nel 1985, in seguito ai lavori di realizzazione del parcheggio della banca, sono emerse importanti evidenze archeologiche, testimonianza delle diverse fasi vissute dall'Antica Kroton.

Nel sito è visibile buona parte dell’abitato antico di età arcaica e classica, sul quale si impiantano strutture e sepolture che arrivano all'età romana e al tardo medioevo.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 17:00 à 19:00

Bambini, Famiglie, Adulti

Workshop

Archeologi per un giorno
Grazie al supporto delle associazioni locali, quali il GAK, il Gtg Kroton APS, Multitracce e Ciclofficina, all’interno del nostro meraviglioso Castello Fortezza di Carlo V, vivremo insieme alcune delle fasi principali del lavoro dell' archeologo, condividendone esperienze e sensazioni.

2.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 16:00 à 20:00 (Laboratori su prenotazione ai numeri: 3496661564 e 3272148953.)

Bambini, Famiglie, Adulti

Workshop

Laboratorio di Scultura
Con la partecipazione dell’orafo Antonio Affidato, riscopriremo la fantastica arte della scultura, vivendo insieme le fasi di realizzazione di un'opera d'arte.

Al termine del laboratorio, l’artista ci guiderà in una visita delle sue opere, appartenenti alla mostra “Rara Avis – Olò ghiru tu Kròton”, nella quale sono esposti i busti di alcune delle figure che hanno caratterizzato la storia di Crotone: Pitagora, Milone, Hera Lacinia, Alcmeone, Serse, Phayllos, Medusa, Eracle e Gea.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 17:00 à 19:00 (Laboratorio su prenotazione. Info e prenotazioni su didatticamuseocrotone@gmail.com)

Bambini, Famiglie, Adulti

Calabria, Reggio di Calabria, Rosarno

Museo di Medma Rosarno

1 rue Filippo di Medma 89025 Rosarno

Il Museo archeologico di Medma-Rosarno espone gran parte degli oggetti rinvenuti nei lunghi anni di ricerche che, a partire da Paolo Orsi e fino ai nostri giorni,la Soprintendenza effettuato a Rosarno.L'esposizione inizia con la ricostruzione della necropoli con i sui ricchi corredi funerari, per proseguire poi con gli splendidi esemplari della coroplastica medmea ed altre tipologie di reperti provenienti dalle aree sacre per concludersi con i materiali provenienti dall'abitato.Sono presentati anche i reperti provenienti dalla collezione privata Giovanni Gangemi,costituita da pregevoli vasi sia a figure nere che a figure rosse.

Calabria, Reggio di Calabria, Reggio Calabria

Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Piazza De Nava, 26 89100 Reggio di Calabria (RC)

www.https://www.museoarcheologicoreggiocalabria.it

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, il 16, 17 e 18 giugno, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria accende i riflettori sul lavoro dell’archeologo, attraverso eventi, percorsi espositivi e conferenze. Venerdì 16 Giugno ci sarà la presentazione di un lavoro di restauro congiunto, nato dalla collaborazione tra il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Reggio Calabria e la provincia di Vibo Valentia. Sabato 17 Giugno alle ore 17 in sala conferenze, il MArRC ospiterà un incontro promosso dal Centro Internazionale Scrittori della Calabria, presieduto da Loreley Rosita Borruto. Domenica 18 Giugno la giornata sarà dedicata alle famiglie ed in particolare ai più piccoli.

Calabria, Vibo Valentia, Rombiolo

Rombiolo

Piazza Don Mazza Pernocari

Archeo-sperimentando:
- L'arte degli antichi vasai
- archeologici in erba
- pittura rupestre

Dimostrazione

Archeo-sperimentando
Archeo-sperimentando:
- L'arte degli antichi vasai
- archeologici in erba
- pittura rupestre

Gratuito

Sabato 17 giugno de 16:30 à 20:30

Bambini

Calabria, Vibo Valentia, Bentivoglio

Rombiolo

Palazzo De Siena (Presinaci) : Via S. Marina, 35, 40010 Bentivoglio BO

VISITA AL MUSEO DELLA CIVILTA’ CONTADINA

Visita guidata

Visita al Museo

Gratuito

Domenica 18 giugno de 9:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Campania, Avellino, Mirabella Eclano

Parco Archeologico di Aeclanum

164 Via Nazionale delle Puglie 83036 Mirabella Eclano

https://museicampania.cultura.gov.it/

Sabato 17 giugno 2023, in occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, il Parco archeologico di Aeclanum propone alle 17.00 una visita guidata a cura dell’archeologa Sandra Lo Pilato, che racconterà le storie e gli uomini che popolarono le terre di Quintodecimo, l’abitato che nell’alto medioevo sorgerà dai fianchi dell’antica Aeclanum, la città “a forma di cuore” sulla via Appia.
Ingresso e partecipazione gratuiti.

Visita guidata

Racconti da Quintodecimo
Sabato 17 giugno 2023, in occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, il Parco archeologico di Aeclanum propone alle 17.00 una visita guidata a cura dell’archeologa Sandra Lo Pilato, che racconterà le storie e gli uomini che popolarono le terre di Quintodecimo, l’abitato che nell’alto medioevo sorgerà dai fianchi dell’antica Aeclanum, la città “a forma di cuore” sulla via Appia.
Ingresso e partecipazione gratuiti.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 17:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Campania, Avellino, Avella

Parco Archeologico Anfiteatro

Via Anfiteatro, 83021 Avella (AV)

www.avellarte.it

Per le giornate europee dell'archeologia, al parco archeologico dell'anfiteatro di Avella (AV), si terranno numerose attività tra cui: volo in mongolfiera, spettacolo teatrale, osservazione astronomica, aperitivo, laboratorio di ceramica e di scavo, yoga ecc.

Parcheggio gratuito - Via Anfiteatro - Avella (Av)
Ristoranti in zona per pranzo o cena su prenotazione
Eventi adatti a bambini e famiglie
Accesso garantito a persone disabili
NOTA BENE:
Per le attività e gli spettacoli inclusi nel programma è necessaria la prenotazione.
Per la mongolfiera non è necessaria la prenotazione

Contatti prenotazioni:
WHATTSAPP 333 88 47 353 infosiatavella@gmail.com
Tel 3209473173 - 0818259320

Dimostrazione

“Spettacolo Teatrale I Racconti di Dioniso”
Il Festival si svolgerà nell’arena dell’Anfiteatro è dedicato al mondo classico e al teatro greco-romano e propone “I Menecmi’’ da
Plauto - Prod. Il Tappeto Volante, trattasi di uno spettacolo teatrale in due tempi Interpretato e diretto da Enzo Varone.
L’adattamento in chiave moderna con canzoni di Fabio Pisano proietterà il pubblico nel III secolo. Il Festival è organizzato da
M&N’S.

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 21:00 à 22:30

Qualunque pubblico

Dimostrazione

“Osservazione Astronomica”
A cura di Passione Astronomia, l’attività è rivolta ai bambini e alle famiglie. I partecipanti guidati da un esperto di astronomia potranno
osservare il cielo e gli oggetti celesti nello spazio cosmico. Un super volo attraverso il telescopio negli angolo remoti della galassia
che stimola fantasia soprattutto dei piccoli che si trasformeranno in veri e propri astronauti alla conquista dello spazio.

3.00 €

Domenica 18 giugno de 18:00 à 21:30

Qualunque pubblico

Dimostrazione

“Piccoli Archeologi crescono”
Attività a cura di Meridies che prevede lo scavo archeologico simulato all’interno del quale saranno accuratamente riprodotte
stratigrafie. I bambini intraprenderanno lo scavo utilizzando tutti gli strumenti e le metodologie operative dell’archeologo
professionista, dall’emblematica trowel, alle schede ministeriali per la raccolta di dati, alle paline centimetrate e alle sigle per le
fotografie e i rilievi scientifici. Con l’ausilio dell’archeologo si imparerà a riconoscere le diverse tipologie di reperti archeologici, dalle
ceramiche alle tessere di mosaico in pasta vitrea e ci si cimenterà con altri strumenti per il disegno scientifico, come il calibro o il
profilometro.

10.00 €

Domenica 18 giugno de 18:00 à 19:30

Bambini

Visita guidata

Aperture e Parco Archeologico Anfiteatro e Museo Archeologico MIA”
Immersione tra i ruderi dell’Anfiteatro Romano e tra i reperti conservati nel Museo Archeologico ed Immersivo MIA con visita
guidata. Accoglienza a cura di Avellarte.

A pagamento

Domenica 18 giugno de 10:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

“Volare sull’Arte”
A bordo di una mongolfiera vincolata i visitatori potranno ammirare l'Anfiteatro dall'alto, l'idea nasce da un’intuizione “antica”:
Giacomo Boni, archeologo vissuto a cavallo tra la fine dell’ottocento ed i primi del novecento, utilizzò la mongolfiera in volo frenato
per produrre documentazione fotografica - al fine di tutela dei beni - sfruttando per la prima volta l’aerofotografia in ambito
archeologico. A cura di Volare sull’Arte.

15.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 19:30 à 21:30

Qualunque pubblico

Dimostrazione

“Laboratorio di Argilla”
Laboratorio a cura di Meridies. Dopo aver illustrato le proprietà dell'argilla e le tecniche di lavorazione antiche, i bambini potranno
cimentarsi nella realizzazione di vasi con la tecnica del colombino. Dopo aver realizzato il manufatto potranno decorarlo ad incisione
o ad impressione con oggetti o elementi vegetali. Un percorso divertente per consentire di liberare la creatività e la fantasia dei più
piccoli.

10.00 €

Sabato 17 giugno de 18:00 à 19:30

Bambini

Visita guidata

“Aperture Museo Archeologico ed Immersivo e Parco Archeologico Anfiteatro”
Immersione tra i ruderi dell’Anfiteatro Romano e tra i reperti conservati nel Museo Archeologico ed Immersivo MIA con visita
guidata. Accoglienza a cura di Avellarte

A pagamento

Sabato 17 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

“Un Viaggio nel Tempo: Yoga e Meditazione nell'Anfiteatro Romano di Avella“
La storia millenaria di Avella Città d’Arte si intreccia con le discipline olistiche dello yoga e della meditazione in un luogo carico di
storia e di energia. Lasciati trasportare dal fluire delle tue energie mentre praticherai asana e pranayama, armonizzando il tuo corpo
con la maestria degli antichi atleti romani. Esplora le profondità della tua mente attraverso la meditazione, abbracciando l'equilibrio
e la serenità che hanno caratterizzato gli imperatori e i filosofi di un tempo.

A pagamento

Venerdì 16 giugno de 18:30 à 19:30

Qualunque pubblico

Visita guidata

“Aperture e Parco Archeologico Anfiteatro”
Immersione tra i ruderi dell’Anfiteatro Romano con visita guidata

A pagamento

Venerdì 16 giugno de 16:30 à 18:00

Qualunque pubblico

Campania, Benevento, Apice

Apice - "Fonte Miracolosa" e "Due Fontane"- Apice Vecchia - Ponte Appiano

18 Giugno
Piazza Castello snc 82021 Apice Vecchia

www.archeoclubitalia.org

La “Fonte Miracolosa“ si trova in C.da S.Lucia, zona S. Francesco. Le “Due Fontane“ si trova lungo la S.P. 27. La visita guidata partirà da Piazza Municipio/Apice Vecchia.

Circuito di scoperta

Pulizia beni culturali e visita guidata
L’evento riguarderà nei giorni 16 e 17 Giugno la pulizia e la riqualificazione di due antiche sorgenti chiamate: “Fonte Miracolosa” e “Due Fontane”. Per il giorno 18 ore 10.00 è prevista una visita guidata del borgo di Apice, del Ponte Appiano e dei siti oggetto di intervento e vedrà la partecipazione degli Archeoclub della zona. Le attività avranno sia la funzione di tutelare e promuovere i beni culturali, migliorando le condizioni ambientali in cui essi sono situati e sia una funzione didattica.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 09:30 à 13:00 Sabato 17 giugno de 09:30 à 13:00 Venerdì 16 giugno de 09:30 à 13:00

Qualunque pubblico

Campania, Benevento, Montesarchio

Museo archeologico nazionale del Sannio caudino

1 Via Castello 82016 Montesarchio

https://museicampania.cultura.gov.it/

Nel weekend dal 16 al 18 giugno, dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00, sarà possibile conoscere le collezioni del museo con visite guidate, visitare la suggestiva mostra permanente “Rosso Immaginario”, allestita nelle celle dell’ex carcere borbonico, all’interno del Castello di Montesarchio, oltre che apprezzare la mostra fotografica “Geo Art” del fotografo Michele Stanzione, allestita negli spazi nella Torre medievale. Un importante reperto archeologico, recuperato a Sant’Agata de Goti, sarà restituito all’Istituzione museale con una cerimonia che vedrà la partecipazione di rappresentanti del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e delle autorità istituzionali del territorio.Torneranno poi le Stories di Caudium, per raccontare i vasi in deposito.

Visita guidata

Giornate Europee dell’Archeologia
Nel weekend dal 16 al 18 giugno, dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00, sarà possibile conoscere le collezioni del museo con visite guidate, visitare la suggestiva mostra permanente “Rosso Immaginario”, allestita nelle celle dell’ex carcere borbonico, all’interno del Castello di Montesarchio, oltre che apprezzare la mostra fotografica “Geo Art” del fotografo Michele Stanzione, allestita negli spazi nella Torre medievale.
Un importante reperto archeologico, recuperato a Sant’Agata de Goti, sarà restituito all’Istituzione museale con una cerimonia che vedrà la partecipazione di rappresentanti del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale e delle autorità istituzionali del territorio.
Torneranno poi le Stories di Caudium, l’appuntamento mensile che, da aprile 2022, viene proposto dal Museo per raccontare, con l’intervento degli archeologi, i vasi figurati provenienti dai depositi del MANSC, e che riscontra l’interesse del pubblico e degli appassionati di archeologia.

2.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 11:00 à 13:00 et de 17:00 à 19:00Sabato 17 giugno de 11:00 à 13:00 et de 17:00 à 19:00Venerdì 16 giugno de 11:00 à 13:00 et de 17:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Campania, Benevento, Montesarchio

Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino

1 Via Castello

https://www.sopri-caserta.beniculturali.it/it/1/home

Venerdì 16 giugno, alle 11, al Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino di Montesarchio, un importante reperto archeologico, recuperato a Sant’Agata de Goti, che ha visto il relativo procedimento di riconoscimento seguito dalla Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento, sarà restituito al MANSC nel corso di una cerimonia che avrà luogo, nella sala conferenze del museo. Il recupero della testa muliebre marmorea raffigurante la dea Atena, è frutto di un’attività d’indagine diretta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento e condotta dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, finalizzata al contrasto del traffico illecito di reperti archeologici.

Conferenza

Venerdì la restituzione della testa marmorea di Atena con il procedimento di riconoscimento seguito dalla Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento
Venerdì 16 giugno, alle 11, al Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino di Montesarchio, un importante reperto archeologico, recuperato a Sant’Agata de Goti, che ha visto il relativo procedimento di riconoscimento seguito dalla Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento, sarà restituito al MANSC nel corso di una cerimonia che avrà luogo, nella sala conferenze del museo. Il recupero della testa muliebre marmorea raffigurante la dea Atena, è frutto di un’attività d’indagine diretta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento e condotta dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, finalizzata al contrasto del traffico illecito di reperti archeologici. Alla cerimonia di consegna del reperto interverranno la Direttrice Regionale Musei della Campania Marta Ragozzino, il Sindaco di Montesarchio Carmelo Sandomenico, il Sindaco di Sant'Agata de' Goti Salvatore Riccio, l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Montesarchio Morena Cecere, il Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Caserta e Benevento Gennaro Leva, il Funzionario Archeologo della Soprintendenza territoriale Andrea Martelli, il Procuratore Aggiunto della Repubblica di Benevento Gianfranco Scarfò, i Sostituti Procuratori della Repubblica di Benevento Maria Amalia Capitanio e Maria Gabriella Di Lauro, il Comandante Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale - nucleo di Napoli Capitano Massimiliano Croce.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 11:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Campania, Caserta, Santa Maria Capua Vetere

Museo archeologico dell’antica Capua

44 Via Roberto d’Angiò
81055 Santa Maria Capua Vetere

https://museicampania.cultura.gov.it/

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2023, che si terranno da venerdì 16 a domenica 18 giugno 2023, il Museo archeologico dell’antica Capua e l’Anfiteatro campano promuove un programma di eventi e iniziative in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli” e il gruppo scout Agesci.

Conferenza

Giornate Europee dell’Archeologia 2023
Alle ore 16.30, nella sala conferenze del Museo, si terrà la presentazione delle attività e dei risultati del tirocinio “Dallo scavo al museo, dallo studio all’edizione: ricerche su Capua preromana”, a cura del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”, in collaborazione con la Direzione regionale Musei Campania e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Caserta e Benevento. Sarà l’occasione per illustrare le attività svolte dagli studenti della Laurea magistrale in Archeologia e Storia dell’Arte su un nucleo di tombe di età orientalizzante, messe in luce nel 2015 in via del Lavoro a Santa Maria Capua Vetere, i cui reperti sono conservati nel Museo archeologico dell’antica Capua. L’esperienza formativa, che si è articolata in più fasi, dal lavaggio e restauro dei manufatti alla realizzazione della documentazione scientifica, restituisce al pubblico un contesto inedito, legando lo studio e la valorizzazione del patrimonio archeologico agli aspetti didattico-formativi per le nuove generazioni di archeologi.

2.5 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 16 giugno de 16:30 à 19:00 Sabato 17 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00Domenica 18 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Campania, Caserta, Santa Maria Capua Vetere

Anfiteatro Campano

1860 Piazza I Ottobre 81055 Santa Maria Capua Vetere

https://museicampania.cultura.gov.it/

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2023, che si terranno da venerdì 16 a domenica 18 giugno 2023, il Museo archeologico dell’antica Capua e l’Anfiteatro campano promuove un programma di eventi e iniziative in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli” e il gruppo scout Agesci.

Visita guidata

Giornate Europee dell’Archeologia 2023
Il gruppo scout Agesci visiterà l’Anfiteatro campano, il Museo dei Gladiatori e il Museo archeologico dell’antica Capua per conoscere e riscoprire le testimonianze giunte fino a noi degli usi e dei costumi della Capua romana. Inoltre, lupetti e coccinelle scout parteciperanno, negli spazi verdi adiacenti l’Anfiteatro campano, a un’attività ludico ricreativa di rievocazione degli allenamenti dei gladiatori, dal titolo “Giostra dei Gladiatori”, seguiti dai rievocatori della Pro Loco Spartacus. L'ultimo giorno il gruppo scout sfilerà in costume e si sfiderà in un gioco a quiz sulle conoscenze apprese nei tre giorni di attività nel Circuito archeologico dell’antica Capua.

2.5 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 16 giugno de 09:30 à 10:30 et de 15:30 à 18:00Sabato 17 giugno de 15:30 à 18:00 Domenica 18 giugno de 09:00 à 12:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Campania, Caserta, Santa Maria Capua Vetere

Museo archeologico dell'antica Capua

44 Via Roberto D'Angiò

https://www.sopri-caserta.beniculturali.it/it/1/home

A Santa Maria Capua Vetere, da venerdì 16 a domenica 18 giugno 2023, al Museo archeologico dell’antica Capua si svolgerà un programma di eventi e iniziative che farà conoscere al grande pubblico i tesori e i retroscena della ricerca archeologica nella Città antica, frutto di una collaborazione della Sabap di Caserta e Benevento con la Direzione Regionale Musei Campania e il Circuito archeologico dell'antica Capua collabora, insieme al Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”. Un contesto inedito, che lega lo studio e la valorizzazione del patrimonio archeologico agli aspetti didattico-formativi per le nuove generazioni di archeologi e che alternerà iniziative per addetti ai lavori a quelle rivolte ai più piccoli.

Esposizione

La Sabap di Caserta e Benevento punta i riflettori sulle scoperte archeologiche a Santa Maria Capua vetere
A Santa Maria Capua Vetere, da venerdì 16 a domenica 18 giugno 2023, al Museo archeologico dell’antica Capua si svolgerà un programma di eventi e iniziative che farà conoscere al grande pubblico i tesori e i retroscena della ricerca archeologica nella Città antica, frutto di una collaborazione della Sabap di Caserta e Benevento con la Direzione Regionale Musei Campania e il Circuito archeologico dell'antica Capua collabora, insieme al Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”. Un contesto inedito, che lega lo studio e la valorizzazione del patrimonio archeologico agli aspetti didattico-formativi per le nuove generazioni di archeologi e che alternerà iniziative per addetti ai lavori a quelle rivolte ai più piccoli.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 16:30 à 19:00 Sabato 17 giugno de 16:30 à 19:00 Venerdì 16 giugno de 16:30 à 19:00

Qualunque pubblico

Campania, Caserta, Sant'Arpino

Ex Municipio di Atella a Sant'Arpino

Via Martiri Atellani

http://www.sopri-caserta.beniculturali.it/

A Sant'Arpino, venerdì 16 giugno, nell'area antistante l'ex Municipio di Atella, in Via Martiri Atellani, alle ore 16:30, la Sabap di Caserta e Benevento, in collaborazione con il Comune di Sant'Arpino, l'associazione culturale Terra Felix, l'Università degli Studi di Napoli Federico II e la Soprintendenza ABAP per l'area metropolitana di Napoli, organizza la conferenza: “Archeologia pubblica a Sant'Arpino: prospettive di ricerca, tutela e valorizzazione per Atella“. Nel corso dell'evento saranno presentati il progetto che interesserà l’area delle Terme dell'antica Atella, nell'ambito delle attività di indagini non invasive che sono state avviate in data 5 giugno dall'equipe del prof. Rodolfo Brancato dell'Università di Napoli Federico II, autorizzate dalla Sabap

Conferenza

#GEA2023 Venerdì la Sabap organizza una conferenza a Sant'Arpino per la valorizzazione di Atella
A Sant'Arpino, venerdì 16 giugno, nell'area antistante l'ex Municipio di Atella, in Via Martiri Atellani, alle ore 16:30, la Sabap di Caserta e Benevento, in collaborazione con il Comune di Sant'Arpino, l'associazione culturale Terra Felix, l'Università degli Studi di Napoli Federico II e la Soprintendenza ABAP per l'area metropolitana di Napoli, organizza la conferenza: “Archeologia pubblica a Sant'Arpino: prospettive di ricerca, tutela e valorizzazione per Atella“. Nel corso dell'evento saranno presentati il progetto che interesserà l’area delle Terme dell'antica Atella, nell'ambito delle attività di indagini non invasive che sono state avviate in data 5 giugno dall'equipe del prof. Rodolfo Brancato dell'Università di Napoli Federico II, autorizzate dalla Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento, e il progetto di rigenerazione urbana cui esso è connesso (realizzazione di orti urbani e pista ciclabile) cui sta lavorando l'associazione Terra Felix. Queste attività si collocano all'interno di un più vasto progetto di ricerca, tutela e valorizzazione dell'antica Atella, oggetto di un Protocollo d'Intesa tra la Soprintendenza ABAP di Caserta, di cui è referente scientifico la Funzionaria Archeologa dottoressa Ilaria Matarese, la Soprintendenza per l'area metropolitana di Napoli e l'Università Federico II. Al termine della conferenza, prevista per venerdì 16 giugno 2023, l'equipe di ricerca del prof. Brancato guiderà i partecipanti in una visita alle strutture delle Terme (Ph. Luigi Lombardi).

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 16:30 à 18:30

Qualunque pubblico

Campania, Napoli, Napoli

Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola

Discesa Gaiola

https://www.areamarinaprotettagaiola.it

L’Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola si estende per circa 42 ettari di mare lungo la costa di Posillipo prendendo il nome dalle omonime isole. Gestito dal C.S.I. Gaiola onlus, deve la sua particolarità alla fusione tra aspetti vulcanologici, biologici ed archeologici. Nelle sue acque pullulanti di vita sono infatti custoditi, a causa del fenomeno vulcanico del bradisismo, i resti della Villa marittima romana del Pausilypon (I a.C.). Il tutto nella cornice di un paesaggio costiero tra i più suggestivi del Golfo dominato da falesie di Tufo giallo napoletano e macchia mediterranea.

Visita guidata

Snorkeling archeologico
Visita guidata di Snorkeling Archeologico: un tuffo tra storia e natura alla scoperta delle antiche strutture romane sommerse della Villa Imperiale del Pausilypon e delle meraviglie degli ecosistemi marini che popolano i fondali del Parco Sommerso di Gaiola.
L'itinerario si sviluppa nello specchio di mare che circonda gli isolotti della Gaiola, toccando alcuni degli elementi archeologici sommersi di maggior interesse dell'area. Tra questi spicca il grandioso sistema di peschiere afferenti alla villa del Cavaliere romano Publio Vedio Pollione (I sec a.C.). Le peschiere, che si sviluppano su una superficie di circa 9000 m2 oltre ad essere tra le strutture di maggior interesse archeologico dell'area, sono anche quelle meglio conservate, mostrando ancora i complessi sistemi di canalizzazione delle acque, le chiuse, i camminamenti e le vasche ipogee per l'allevamento delle murene.

20.00 €

Sabato 17 giugno de 10:00 à 13:30

Adulti

Campania, Napoli, Napoli

Parco Archeologico Ambientale del Pausilypon

Calasole, Discesa Coroglio, 80124, Napoli, ITA

https://www.gaiola.org/pausilypon

Situato sulla collina di Posillipo, il Parco, a cui si accede attraverso la Grotta di Seiano, galleria romana lunga circa 770 metri, custodisce i resti terrestri (teatro, odeion, parte delle terme e sale di rappresentanza, etc.) della villa romana del Pausilypon (I sec. a.C), la cui etimologia greca significa “luogo dove cessano gli affanni“. Divenuta residenza imperiale alla morte del primo proprietario, il cavaliere romano Publio Vedio Pollione, la villa si estendeva dalla collina fino al mare dove invece erano ubicate le strutture marittime (porto, terme inferiori e peschiere), oggi parzialmente o totalmente sommerse dalle acque, a causa del bradisismo e tutelate dal Parco Sommerso di Gaiola. Il Parco è importante anche per gli aspetti vegetazionali e faunistici.

Visita guidata

Visita guidata al Parco Archeologico del Pausilypon
Si parte dall’ingresso della Grotta di Seiano su Discesa Coroglio e si percorre il tunnel lungo quasi 800m che trafora la collina di Posillipo. Superata la grotta si giungerà al Parco Archeologico del Pausilypon dove si potrà ammirare ciò che resta della lussuosa villa di Vedio Pollione che si estende dal promontorio che domina la splendida baia di Trentaremi fino a mare. Qui, nella pars publica, si visiterà il teatro, l'odeion e le sale di rappresentanza dell'antica villa imperariale del I Sec a.C.
L'itinerario, realizzato d'intesa con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli, si snoderà tra gli elementi storico-archeologici, geologico-vulcanologici e floro-faunistici dell’area, immersi in uno dei paesaggi costieri più suggestivi del Golfo di Napoli.

7.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 16 giugno de 11:00 à 12:30 Domenica 18 giugno de 10:30 à 12:00 et de 12:15 à 13:30Sabato 17 giugno de 10:30 à 12:00 et de 12:15 à 13:30

Qualunque pubblico

Campania, Napoli, Napoli

Napoli, Sala Assoli

vico Lungo Teatro Nuovo 110 - Napoli

https://www.casadelcontemporaneo.it/sala-assoli-teatro-napoli-quartieri-spagnoli-spettacoli/

La Sala Assoli è una piccola sala teatrale, dalla capienza di 100 posti, ubicata nei Quartieri Spagnoli a Napoli e gestita dal centro di produzione teatrale Casa del Contemporaneo. La scelta di tenere l’incontro in uno spazio per spettacoli mira a intercettare un pubblico eterogeneo e a contaminare la forma comunicativa della conferenza con quella delle arti performative. La lettura delle fonti letterarie sarà affidata a un attore. Nel foyer verranno proiettati brevi video sulle attività della Soprintendenza. L'evento è organizzato in collaborazione con l'associazione A voce alta, che ha organizzato negli ultimi eventi analoghi, quale ad esempio il Festival di storia presso il teatro Bellini di Napoli.

Workshop

Conversazioni su Neapolis. Storie e segni di una graeca urbs
Incontro-spettacolo presso la Sala Assoli dal titolo “Conversazioni su Neapolis. Storie e segni di una graeca urbs“. I funzionari archeologi della Soprintendenza raccontano e mostrano per immagini la storia della città muovendo dall’evidenza materiale, con particolare attenzione alle scoperte recenti quali quelle emerse dai cantieri delle Linee 1 e 6 della metropolitana, dagli scavi effettuati di recente nel teatro romano e nella villa imperiale del Pausilypon o dai primi interventi di restauro nelle tombe a camera dei rioni Vergini e Sanità.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 19:30 à 21:00 et de 19:30 à 21:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Medie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Campania, Napoli, Napoli

Napoli, sito archeologico di Carminiello ai Mannesi

Via Carminiello ai Mannesi, 80138, Napoli

Nel sito di Carminiello ai Mannesi si conserva parte di un isolato dell’antica Neapolis ubicato a est dell'area dello spazio forense. Si possono riconoscere resti di una domus e ambienti termali e in cui si impianta un sacello dedicato al dio Mitra, caratterizzato da un rilievo in stucco policromo con la scena dell'uccisione del toro da parte del dio, ancora in parte riconoscibile.
La datazione del complesso è collocabile fra la fine del I sec. a.C. ed il II sec. d.C. Le strutture, a carattere monumentale ed articolate su più livelli, sono venute in luce a seguito dei bombardamenti dell’ultimo conflitto bellico e sono fra le poche visibili a cielo aperto nell’ambito del centro storico di Napoli.

Visita guidata

visita guidata al sito di Carminiello ai Mannesi
Il sito archeologico di Carminiello ai Mannesi sarà aperto al pubblico nella mattinata del 16.06.2023. I funzionari archeologi e i collaboratori della Soprintendenza di Napoli, insieme a volontari del Gruppo Archeologico Napoletano, accoglieranno i visitatori, offrendo loro l'occasione per conoscere un0importante testimonianza del tessuto urbano dell'antica Neapolis.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 10:00 à 13:00 et de 10:00 à 13:00
Campania, Napoli, Massa Lubrense

Baia di Ieranto

Via Ieranto, 6 Massa Lubrense

https://fondoambiente.it/luoghi/baia-di-ieranto

La dimora delle sirene di fronte ai faraglioni di Capri.
Unica insenatura all’estremità della penisola sorrentina, ha alimentato miti e leggende tra il verde argenteo degli olivi e il blu cristallino della baia, tra il paesaggio dei faraglioni su cui si affaccia e le tracce di un recente passato industriale.

Donata al FAI da Italsider, nel 1987

CONTATTI
335 8410253
faiieranto@fondoambiente.it

Circuito di scoperta

Trekking archeologico - Sulla via Minervia: dall'Athenaion alle Torri di Guardia
Speciale trekking guidato per approfondire la storia del sito archeologico di Punta Campanella, in collaborazione con Archeoclub d'Italia - sede di Massa Lubrense. Il promontorio, dove oggi si estendono circa trenta ettari della proprietà del FAI, riconosciuta quale santuario della natura, in epoca classica è stato dedicato al culto di Atena, con la presenza di un tempio fondato, secondo la leggenda, dal mitico Ulisse. In età romana l'edificio venne consacrato al culto di Minerva, di cui ha portato il nome fino al Medioevo, quando ai pellegrinaggi lungo la Via Minervia si sostituirono le attività di controllo e difesa del territorio, con l'avvento delle torri anti-corsare.
In compagnia dell'archeologo Riccardo Iaccarino e del presidente dell'Archeoclub d'Italia - sede di Massa Lubrense, Stefano Ruocco, si percorrerà Via Campanella e verrà approfondito il tema della ricerca, degli scavi archeologici e dei ritrovamenti, nonchè dell'affascinante storia delle torri di avvistamento anti corsare della costa lubrense, immergendosi nella storia di questo 'de finibus terrae' della Penisola Sorrentina.

Il trekking guidato, con partenza da piazza di Termini, si svolgerà lungo via Campanella per raggiungere l'omonima Torre all'estremità del promontorio.


BIGLIETTI
Intero €20
Iscritti FAI €10
Soci Archeoclub €10
Ridotto Residenti €10
Ragazzi (da 8 a 18 anni) €8
Studenti (fino a 25 anni) €10
Famiglie (2 adulti e 2 ragazzi da 8 a 18 anni) €28


INFORMAZIONI UTILI
Tempo di percorrenza: 3 ore; Livello di difficoltà: E (dislivello massimo 250 metri su mulattiera e sentiero gradonato)
Equipaggiamento richiesto: scarpe e abbigliamento da trekking, acqua a sufficienza, cappello, colazione al sacco, crema solare. Punto di ritrovo: punto panoramico presso la piazzetta di Termini (frazione di Massa Lubrense).

Per partecipare al trekking è obbligatoria la prenotazione al numero 335 8410253.

COME ARRIVARE
PUNTO DI RADUNO: Punto panoramico presso la piazzetta di Termini (frazione di Massa Lubrense -NA) https://goo.gl/maps/Bs124ukqjFiGnc6z6

20.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 09:30 à 15:30

Qualunque pubblico

Campania, Napoli, Napoli

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Piazza Museo 19

https://museoarcheologiconapoli.it

Tre giornate all'insegna dell'archeologia partecipativa al #Mann in occasione delle #Giornate Europee dell'archeologia! Info su: www.museoarcheologiconapoli.it

Visita guidata

MANN In Colours
Sapevi che in origine le statue classiche, che oggi siamo abituati a conoscere e vedere completamente bianche, in realtà erano dipinte?

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2023 #GEA, il MANN propone una serie di percorsi guidati, alla ricerca delle tracce di colore sulle statue romane, nell’ambito del progetto “MANN in colours”. I partecipanti saranno accompagnati attraverso le sculture della Campania Romana, della Collezione Farnese e dei reperti in mostra dai depositi del Museo, “L’altro MANN”, per imparare a riconoscere i colori che si nascondono dietro il bianco del marmo.

Venerdì 16 dalle 16,00 alle 18,00
Sabato 17 giugno dalle 10,00 alle 12,00

Durata della visita 1 ora circa

Ingresso su prenotazione fino a esaurimento posti, con biglietto di ingresso del Mann o abbonamento OpenMann, da acquistare prima della visita.

https://www.eventbrite.com/e/biglietti-giornate-europee-dellarcheologia-al-mann-percorsi-sulla-policromia-653947132477

Gratuito

Sabato 17 giugno de 16:00 à 18:00 Venerdì 16 giugno de 16:00 à 18:00

Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Visita guidata

MANN In Colours
Sapevi che in origine le statue classiche, che oggi siamo abituati a conoscere e vedere completamente bianche, in realtà erano dipinte?

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2023 #GEA, il MANN propone una serie di percorsi guidati, alla ricerca delle tracce di colore sulle statue romane, nell’ambito del progetto “MANN in colours”. I partecipanti saranno accompagnati attraverso le sculture della Campania Romana, della Collezione Farnese e dei reperti in mostra dai depositi del Museo, “L’altro MANN”, per imparare a riconoscere i colori che si nascondono dietro il bianco del marmo.

Venerdì 16 dalle 16,00 alle 18,00
Sabato 17 giugno dalle 10,00 alle 12,00

Durata della visita 1 ora circa

Ingresso su prenotazione fino a esaurimento posti, con biglietto di ingresso del Mann o abbonamento OpenMann, da acquistare prima della visita.

https://www.eventbrite.com/e/biglietti-giornate-europee-dellarcheologia-al-mann-percorsi-sulla-policromia-653947132477

Workshop

MANN for Kids Viaggiando a ritroso nel tempo fino alla Preistoria
Laboratorio in collezione per bambini dai 9 ai 13 anni esplorando la Campania preistorica.
Prenotazione e maggiori informazioni contattando i Servizi Educativi del MANN Tel.
0814422329 o via mail mann-na.comunicazione@cultura.gov.it

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:30 à 13:00

Famiglie

Accessibilità

Disabilità mentale

Visita guidata

Dialoghi di Archeologia
In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, in collaborazione con Coopculture, propone una esperienza unica e divertente.

Una chiacchierata con un archeologo operatore didattico che ci racconta tante curiosità di questo mestiere, dell’amore per la narrazione e la bellezza della conoscenza attiva e condivisa.

Prenotazione obbligatoria:
www.coopculture.it

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:30 à 12:00

Famiglie, Adulti

Accessibilità

Disabilità mentale

Campania, Salerno, Sarno

Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno

7 Via Cavour 84087 Sarno

https://museicampania.cultura.gov.it/

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2023, sabato 17 e domenica 18 giugno sarà possibile visitare il ricco patrimonio archeologico della Valle del Sarno. Accompagnati dagli archeologi dell’Università di Salerno, sabato 17 giugno 2023, dalle 10.00 alle 11.30, si potrà visitare il l’area archeologica del Teatro ellenistico di Foce e, a seguire, dalle 12.00 alle 13.30, il Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno.
Domenica 18 giugno dalle 10.00 alle 12.00 sono previste visite guidate alle collezioni del Museo e alla mostra temporanea “Dalla Liberazione alla Costituzione”. A seguire, in collaborazione con il Forum dei Giovani di Sarno, nel cortile del museo ci sarà un momento musicale con l’esibizione del sassofonista Carlo Tanzola.

Visita guidata

Racconti di archeologia
Accompagnati dagli archeologi dell’Università di Salerno, sabato 17 giugno 2023, dalle 10.00 alle 11.30, si potrà visitare il l’area archeologica del Teatro ellenistico di Foce e, a seguire, dalle 12.00 alle 13.30, il Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 11:30 et de 12:00 à 13:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Visita guidata

Racconti di archeologia
Domenica 18 giugno dalle 10.00 alle 12.00 sono previste visite guidate alle collezioni del Museo e alla mostra temporanea “Dalla Liberazione alla Costituzione”, realizzata in collaborazione con le associazioni Nuova Officina e Avalanche 1943. A seguire, in collaborazione con il Forum dei Giovani di Sarno, nel cortile del museo ci sarà un momento musicale con l’esibizione del sassofonista Carlo Tanzola.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Campania, Salerno, Minori

Antiquarium e Area archeologica della Villa romana

28 Via Capo di Piazza 84010 Minori

https://museicampania.cultura.gov.it/

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, nel weekend da venerdì 16 a sabato 18 giugno, dalle 10.00 alle 12.00, un archeologo condurrà i visitatori alla scoperta della Villa romana di Minori, luogo di otium fra i più suggestivi e meglio conservati dell’area tirrenica.
Realizzata in età giulio-claudia, la Villa, articolata su più livelli, raggiungeva il mare sfruttando il pendio naturale, con gli ambienti di rappresentanza e di servizio, il porticato e le terme.
Il percorso di visita si completa con l’Antiquarium, che espone non solo i reperti provenienti dalla villa ma anche quelli dal territorio.
La visita guidata sarà effettuata su richiesta anche in lingua inglese.

Visita guidata

Un archeologo in villa
In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, nel weekend da venerdì 16 a sabato 18 giugno, dalle 10.00 alle 12.00, un archeologo condurrà i visitatori alla scoperta della Villa romana di Minori, luogo di otium fra i più suggestivi e meglio conservati dell’area tirrenica.
Realizzata in età giulio-claudia, la Villa, articolata su più livelli, raggiungeva il mare sfruttando il pendio naturale, con gli ambienti di rappresentanza e di servizio, il porticato e le terme.
Il percorso di visita si completa con l’Antiquarium, che espone non solo i reperti provenienti dalla villa ma anche quelli dal territorio.
La visita guidata sarà effettuata su richiesta anche in lingua inglese. L’ingresso e la partecipazione sono gratuiti.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:00 à 12:00 Sabato 17 giugno de 10:00 à 12:00 Venerdì 16 giugno de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità mentale

Campania, Salerno, Sarno

Area archeologica del teatro di Foce e Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno

Via Foce - 84087 Sarno (SA)

Sabato 17 giugno sarà possibile visitare il ricco patrimonio archeologico della Valle del Sarno, grazie alla sinergia fra la Direzione Regionale Musei Campania, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Province di Salerno e Avellino e il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università di Salerno, con la collaborazione del Comune di Sarno e della locale Pro Loco.
Accompagnati dagli archeologi dell'UNISA, sabato 17 giugno 2023, dalle 10.00 alle 11.30, si potrà visitare l’area archeologica del Teatro e, a seguire, dalle 12.00 alle 13.30, il Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno. L'iniziativa, nata da un Protocollo di Intesa stipulato fra le Istituzioni, è finalizzata a valorizzare il ricco patrimonio della Valle del Sarno.

Visita guidata

Visita guidata all'area archeologica del teatro di Foce e al Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno
Sabato 17 giugno sarà possibile visitare il ricco patrimonio archeologico della Valle del Sarno.
Accompagnati dagli archeologi dell'UNISA, sabato 17 giugno 2023, dalle 10.00 alle 11.30, si potrà visitare l’area archeologica del Teatro e, a seguire, dalle 12.00 alle 13.30, il Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 13:30

Qualunque pubblico

Campania, Salerno, Moio della Civitella

Parco archeologico Moio della Civitella

84060, Moio della Civitella (SA)

Sabato 17 giugno 2023, in occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Province di Salerno e Avellino, in collaborazione con il Comune di Moio della Civitella e con il patrocinio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, propone alle ore 18:00 una visita guidata a cura delle archeologhe Maria Tommasa Granese e Giovanna Baldo.

Parcheggio gratuito – presso il Belvedere, collina Civitella

Contatti prenotazioni:
WhatsApp: 3285370514
e-mail: polomusealecivitella@gmail.com

Ingresso e partecipazione gratuiti, adatto a qualunque pubblico

Visita guidata

Parco archeologico della Civitella
Visita guidata sull’area dell’insediamento fortificato databile tra il IV e il III sec. a.C. e ubicata sulla sommità dell’omonima collina.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 18:00 à 19:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Campania, Salerno, Salerno

Complesso Monumetale di San Pietro a Corte

Largo Antica Corte, 84100, salerno (SA)

http://ambientesa.beniculturali.it/BAP/

Apertura: venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 giugno, dalle ore 10.00 alle 18,30, con ingresso gratuito.

I visitatori stranieri avranno a disposizione la traduzione cartacea (brochure) del sito archeologico, a cura del Liceo Statale “Regina Margherita” di Salerno nelle seguenti lingue: Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo e Arabo.

Campania, Salerno, Eboli

Museo Archeologico Nazionale di Eboli e della Media Valle del Sele

1 Piazza San Francesco 84025 Eboli

https://museicampania.cultura.gov.it/

Venerdì 16 giugno alle 10.30, sarà presentato il seminario “Esplorare il passato, valorizzare il presente, pensare al futuro: Giornate Europee dell'Archeologia – Accessibilità, fruizione e fnserimento lavorativo nella filiera dei servizi culturali per tutti e con tutti”. L’archeologia diviene strumento di ri-scoperta delle proprie origini, di ri-valorizzazione del territorio e della propria identità, patrimonio di tutti e strumento per l’orientamento e la formazione al lavoro di persone con disabilità. Seguirà alle 12.00 una visita didattica del Museo Archeologico di Eboli a cura dei servizi educativi del museo con il supporto di Giulio, giovane associato del Tulipano Art Friendly. Per finire il laboratorio artistico di gruppo per tutti e con tutti a cura di China Aresu e Laura Scelsi.

Conferenza

Esplorare il passato, valorizzare il presente, pensare al futuro: Giornate Europee dell'Archeologia
Venerdì 16 giugno alle 10.30, sarà presentato il seminario “Esplorare il passato, valorizzare il presente, pensare al futuro: Giornate Europee dell'Archeologia – Accessibilità, fruizione e fnserimento lavorativo nella filiera dei servizi culturali per tutti e con tutti”. L’archeologia diviene strumento di ri-scoperta delle proprie origini, di ri-valorizzazione del territorio e della propria identità, patrimonio di tutti e strumento per l’orientamento e la formazione al lavoro di persone con disabilità. Seguirà alle 12.00 una visita didattica del Museo Archeologico di Eboli a cura dei servizi educativi del museo con il supporto di Giulio, giovane associato del Tulipano Art Friendly. Per finire il laboratorio artistico di gruppo per tutti e con tutti a cura di China Aresu e Laura Scelsi.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 10:30 à 13:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Campania, Salerno, Nocera Superiore

Teatro di ellenistico-romano di Nuceria

Corso G. Matteotti n.° 23, 84015 Nocera Superiore (SA)

http://ambientesa.beniculturali.it/BAP/

Il 16 e 17 giugno 2023 a Nocera Superiore le Giornate Europee dell’Archeologia avranno come protagonista il Teatro ellenistico-romano, uno dei luoghi più importanti dell’antica città di Nuceria Alfaterna.
L’edificio è oggetto da circa un anno di lavori diretti dalla SABAP per le province di Salerno e Avellino. Gli interventi finora hanno previsto, oltre al taglio dell’erba, lo svuotamento e lo smaltimento di vecchi container nell’area del Teatro con il recupero di centinaia di reperti archeologici, tra cui le eccezionali decorazioni marmoree in parte inedite provenienti dal Teatro.
I prossimi interventi saranno incentrati sul restauro degli affreschi, per cui la Soprintendenza collaborerà con il Parco Archeologico di Pompei per di riaprire definitivamente l'area al pubblico.

Conferenza

Nuove prospettive di ricerca
- Presentazione lavori in corso
al teatro di Nuceria, con:
• Giovanni Maria Cuofano: Sindaco di Nocera Superiore
• Raffaella Bonaudo: Soprintendente ABAP per le
province di Salerno e Avellino
• Gabriel Zuchtriegel: Direttore Parco Archeologico di Pompei

- Esposizione temporanea marmi dal teatro

- A seguire visita guidata al teatro ellenistico-romano di Nuceria

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 11:30 à 15:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Accesso per le persone con disabilità solo alla mostra temporanea presso la Sala consiliare

Visita guidata

Il teatro di Nuceria
Visita guidata al teatro ellenistico-romano di Nuceria, eccezionalmente aperto al pubblico

Gratuito

Sabato 17 giugno de 09:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Campania, Salerno, Buccino

Museo Archeologico Nazionale "Marcello Gigante" di Volcei

P.za Municipio, 1, 84021 Buccino (SA)

Giornate Europee dell’Archeologia 2023 - Museo Archeologico Nazionale di Volcei “Marcello Gigante“
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, venerdì 16 e sabato 17 giugno, sarà possibile visitare il Museo Archeologico Nazionale di Volcei a Buccino (SA), usufruendo di visite guidate.
Orari di apertura: 09.00-13.00 / 15.00-19.00.
Inoltre, domenica 18 giugno, il Museo sarà aperto, oltre che nelle consuete fasce orarie, anche di sera dalle 19.00 alle 22.00 e, per l’occasione, i visitatori saranno accompagnati in un percorso speciale dal titolo “Storia di una città“.

Visita guidata

Visita guidata al Museo Archeologico Nazionale “Marcello Gigante“ di Volcei

A pagamento

Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Bologna, Bologna

Palazzo Dall'Armi Marescalchi - Sede della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara

via IV Novembre, 5
40126 - Bologna

https://sabapbo.beniculturali.it/

Nella splendida cornice della Sala Ovale di Palazzo Dall'Armi Marescalchi, due studenti dell’Università di Bologna presentano i loro recenti studi su due siti archeologici di Granarolo dell’Emilia (BO).

Conferenza

Granarolo dell’Emilia si racconta. I siti archeologici di via Roma e Casa Poggi-Fiorini: due casi studio
Domenica 18 giugno

ore 10:00 - 12:30

Due studenti dell’Università di Bologna presentano i loro recenti studi su due siti archeologici di Granarolo dell’Emilia (BO).

Parteciperanno:
dott. Jacopo Solmi - dott.sa Sara Malavasi.
Presentano:
dott.sa Annalisa Capurso, funzionaria archeologa della Sabap-Bo - Maurizio Cattani, prof. Preistoria e protostoria e Coordinatore del Corso di Laurea Magistrale in Archeologia e culture del mondo antico, Università di Bologna.

Non è richiesta la prenotazione.
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Capienza massima 100 persone.

Per informazioni:
sabap-bo.stampa@cultura.gov.it

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:00 à 12:30

Adulti

Emilia-Romagna, Bologna, Bologna

Palazzo Dall'Armi Marescalchi - Sede della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara

via IV Novembre, 5
40123 - Bologna (BO)

https://sabapbo.beniculturali.it/

Costruito nel 1466 per volere di Giovanni Dall’Armi, questo storico edificio fu dimora di importanti famiglie cittadine e luogo natale, nel 1874, di Guglielmo Marconi. Passato più volte di proprietà, il palazzo subì varie ristrutturazioni, l’ultima delle quali nel 1811 quando, per volere di Ferdinando Marescalchi, furono ampliati gli spazi e rinnovati i cicli decorativi, con interventi di Felice Giani al pianterreno e Ludovico Carracci al piano nobile. Durante l’ultima Guerra il palazzo venne danneggiato da due pesanti bombardamenti e gli ultimi proprietari ne chiesero l’abbattimento. Nel 1961 intervenne il Ministero del Tesoro che, dopo aver acquisito l’edificio, ne avviò il restauro e lo destinò alla Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici dell'Emilia, oggi Sabap-Bo.

Conferenza

L’archeologia racconta: scavi e ricerche della Soprintendenza ABAP di Bologna
Venerdì 16 giugno

ore 15.30 – 18.30

Incontro con i funzionari archeologi della Soprintendenza ABAP di Bologna, insieme a professionisti e studiosi esterni, in cui verranno presentati i risultati emergenti degli interventi di scavo e ricerca condotti sul territorio negli ultimi anni.

Programma:

Arch. Francesca Tomba - Soprintendente ABAP della Città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
- Saluti istituzionali

Rossana Gabusi, Monica Miari, Vanessa Poli - Soprintendenza ABAP di Bologna
Claudio Cavazzuti - Alma Mater di Bologna
Marco Palmieri - Phoenix Archeologia
- Il Tumulo del Bronzo antico di Via Benini (Zola Predosa, BO)

Sara Campagnari - Soprintendenza ABAP di Bologna
Lisa Manzoli, archeologa professionista
Michael Allen Beck De Lotto - antropologo dottorando c/o Dip. Scienze Toraco-Cardiovascolari e Sanità Pubblica dell’Università di Padova
- La necropoli di età orientalizzante di via Montello a Bologna

Valentina Manzelli - Soprintendenza ABAP di Bologna
Aldo Folli, Claudio Negrelli - Phoenix Archeologia
- Uno sguardo sul paesaggio a nord di Bologna in età romana: lo scavo del Tecnopolo

Annalisa Capurso - Soprintendenza ABAP di Bologna
- Lo scavo in piazza Gioberti a Reggio Emilia, la via Aemilia e l’idrografia della città tra epoca romana e medioevo

Valentina di Stefano - Soprintendenza ABAP di Bologna
Claudio Negrelli, Daniele Mazzitelli - Phoenix Archeologia
- Il mulino di S. Pietro in Casale (BO)

Carolina Ascari Raccagni, Silvana Sani - Ufficio Tutela Soprintendenza ABAP di Bologna
- Dal monologo al dialogo col territorio: materiali di Tarquinia da sequestro


Non è richiesta la prenotazione.
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Capienza massima 100 persone.

Per informazioni:
sabap-bo.stampa@cultura.gov.it

https://sabapbo.beniculturali.it/

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 15:30 à 18:30

Adulti

Emilia-Romagna, Bologna, Imola

Complesso Sante Zennaro, Imola (BO)

via Pirandello, 12
40026 - Imola (BO)

https://sabapbo.beniculturali.it/

Il deposito archeologico dei Musei civici di Imola è stato realizzato nel 2005, in quella data il materiale archeologico, in gran parte scoperto nei numerosi scavi che negli ultimi 40 anni sono stati realizzati nel nostro territorio, hanno trovato la loro sistemazione.
Il deposito, oltre ad immagazzinare i reperti, è dotato di zone ampie e luminose dove i reperti possono essere lavati restaurati e studiati.
La proprietà dei reperti conservati è statale: compito della Soprintendenza è quello di tutelare sul patrimonio comune e preservarlo per le future generazioni, mentre i Musei civici collaborano alla tutela e valorizzazione del patrimonio che appartiene a tutta la comunità.

Visita guidata

Open night al Deposito Archeologico: i reperti si raccontano
Sabato 17 giugno

ore 18:30 - 21:30

Il Deposito Archeologico di Sante Zennaro apre le porte la sera per offrire ai visitatori un percorso guidato al deposito e per mostrare alcuni importanti reperti archeologici imolesi recentemente restaurati.

Alle ore 18:30 e alle ore 20:30 sono previsti due momenti di approfondimento con la dott.ssa Valentina Manzelli, Funzionaria archeologa della Soprintendenza ABAP di Bologna, per illustrare come il patrimonio archeologico viene recuperato e gestito, affinchè diventi un’eredità per il futuro.

L’iniziativa è organizzata dai Musei Civici di Imola e dalla Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.


Ingresso gratuito senza necessità di prenotazione.

Per informazioni:
Musei Civici di Imola - 0542.602609 musei@comune.imola.bo.it

Gratuito

Sabato 17 giugno de 18:30 à 21:30

Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Bologna, Ozzano dell'Emilia

Museo e area archeologica di Claterna, Ozzano dell'Emilia (BO)

Museo: Piazza Allende, 18 - Ozzano dell'Emilia (BO)
Area archeologica: Stradello Maggio,1 - località Maggio, di Ozzano dell'Emilia (BO)

https://museoclaterna.it/

Claterna venne fondata all'inizio del II sec. a.C. sulla via Emilia, come probabile tappa nel tragitto fra le due colonie romane maggiori di Bononia e Forum Cornelii. Inizialmente semplice villaggio, divenne municipium nel I sec. a.C., come capoluogo del territorio compreso fra i torrenti Idice e Sillaro. Il declino cominciò nel III secolo, in seguito alla crisi delle istituzioni Romane e all'inizio delle incursioni barbariche che portarono al definitivo abbandono tra il V e VI secolo. Dopo i primi scavi sistematici iniziati alla fine dell'800 ne seguirono molti altri, fino alle recentissime campagne non invasive, che hanno permesso di comprendere l’importanza del sito. Il Museo si è costituito nel 2019 da una mostra temporanea su Claterna ed è strettamente collegato all’area archeologica.

Visita guidata

Case di ieri e case di oggi
Sabato 17 giugno

ore 10:00 - 12:00

Il museo e l’area archeologica di Claterna si incontrano per parlare delle abitazioni cittadine delle famiglie ricche, scoprendo com’era organizzata una domus e come veniva costruita.
I reperti del museo dialogheranno con la ricostruzione della Casa del Fabbro, mentre i più giovani si cimenteranno nella realizzazione di un pavimento romano in cotto.

Presso il museo saremo accolti dall'archeologa dott.ssa Paoli Poli, sul sito archeologico ci guiderà l’archeologa della Soprintendenza dott.ssa Valentina Di Stefano.

• ore 10:00
visita guidata per adulti in MUSEO

• ore 11:00
visita guidata per adulti e laboratorio per bambini dai 6 agli 11 anni nell’AREA ARCHEOLOGICA


In caso di maltempo visita guidata e laboratorio si svolgeranno in museo.
I trasferimenti dal museo all’area archeologica si svolgono con mezzi propri.
Per le attività all’aperto si raccomandano: cappello, scarpe adatte allo sterrato, bottiglia d’acqua.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

Per info e prenotazioni:
3346301615 (mart. 8:00-9:30 / merc. 13:00-14:30) prenotazioni.museoclaterna@opengroup.eu
www.museoclaterna.it/category/eventi/

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 12:00

Bambini, Adulti

Emilia-Romagna, Bologna, Bologna

Museo Civico Archeologico di Bologna

2 via dell'Archiginnasio 40124 Bologna

http://www.museibologna.it/archeologico

Il Museo ospita le ricche collezioni archeologiche provenienti dall'antico Museo Universitario dalla donazione del pittore Pelagio Palagi e dagli scavi condotti a Bologna e territorio tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento. Si colloca tra le più importanti raccolte archeologiche italiane ed è soprattutto rappresentativo della storia locale, dalla preistoria all'età romana.
La sua sezione etrusca è il punto di partenza per conoscere la civiltà dell'Etruria padana, che ebbe come capitale Bologna, l'etrusca Felsina.
Le antiche collezioni conservano capolavori dell'arte greca e romana; di particolare rilievo è la raccolta di antichità egiziane, una delle più importanti d'Europa.
Il Museo Civico Archeologico è parte del Settore Musei Civici del Comune di Bologna.

Contenuto digitale

BONONIA RACCONTA: STORIE DI ANTICHI BOLOGNESI DAL LAPIDARIO DEL MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO
A partire da venerdì16 giugno 2023, in occasione delle Giornate europee dell’archeologia 2023, sarà online un progetto del Museo Civico Archeologico che arricchisce con un nuovo scenario il portale Storia e memoria di Bologna: un approfondimento dedicato al Lapidario romano del Museo.

Una passeggiata virtuale per dare nuova voce agli antichi cittadini di Bononia, colonia latina fondata nel 189 a.C.: in particolar modo saranno soprattutto le stele funerarie del cosiddetto “Muro del Reno” a farci conoscere un’umanità variegata e operosa fatta di donne e uomini, artigiani e magistrati, liberi e liberti, indigeni e stranieri che a Bologna trovarono una casa accogliente.

Gratuito

Qualunque pubblico

Porte aperte

CANTIERE APERTO: quando le scienze incontrano la storia
Un cantiere aperto, alcuni scheletri sotto indagine, una scienziata a disposizione della curiosità del pubblico.
La dottoressa Giulia Riccomi, ricercatrice presso la Divisione di Paleopatologia del Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia, Università di Pisa, ha in corso un’analisi paleopatologica e biochimica su alcune serie osteologiche inumate di età pre-romana per ricostruire le pratiche alimentari etrusco-italiche tra VII e IV secolo a.C.
Tra i siti e i musei archeologici coinvolti in questo stimolante progetto di ricerca, sostenuto da un finanziamento MUR “Young Researchers- Linea SoE”, c’è anche il Museo Civico Archeologico di Bologna, con gli scheletri etruschi dal sepolcreto della Certosa.
Dal 12 al 16 giugno la dottoressa svolgerà le indagini e venerdì 16 giugno dalle 10.30 alle 11.30 sarà a disposizione del pubblico del Museo per spiegare progetto, metodi utilizzati e risultati che lo studio si propone.
Ingresso: Biglietto Museo
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 16 giugno de 10:30 à 11:30

Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Bologna, Marzabotto

Museo Nazionale Etrusco "Pompeo Aria" e area archeologica di Kainua

Via Porrettana Sud 13, 40043 Marzabotto (BO)

https://musei.emiliaromagna.beniculturali.it/musei/museo-nazionale-etrusco-pompeo-aria-e-area-archeo

La città etrusca di Marzabotto costituisce un eccezionale esempio di pianificazione urbana. L’area archeologica consente di rivivere l’atmosfera di un ambiente cittadino fatto di case, strade, templi, officine. Sui resti di un precedente abitato del VI sec. a.C., intorno al 500 a.C. gli Etruschi fondarono Kainua – “la (città) nuova” – con un complesso rito religioso di cui è testimonianza il cippo con croce graffita collocato al centro della città. Kainua prosperò grazie alla sua posizione strategica lungo il corso del fiume Reno, importante direttrice commerciale tra la Toscana settentrionale e la Pianura Padana. Fu abbandonata verso la metà del IV sec. a.C., in concomitanza con la calata dei Celti in Italia.

Visita guidata

Visita guidata alla Necropoli Nord
Domenica 18 Giugno, per celebrare le Giornate Europee dell'Archeologia, tornerà l'appuntamento con le visite guidate del MNEMa.
In questa occasione sarà possibile visitare anche la Necropoli Nord, solitamente non accessibile al pubblico: avete mai visto una Necropoli etrusca affacciata su un laghetto circondato da alberi su cui nidificano gli aironi? Beh, al Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto si può trovare anche questo!
Alle ore 15.00 tutti pronti per le visite guidate con gli archeologi e e le archeologhe del Dipartimento di Storia Culture Civiltà - Università di Bologna direttamente impegnato negli scavi del sito, si potrà quindi conoscere tutte le ultime novità e scoperte sulla città etrusca di Kainua direttamente da chi la sta studiando.

Il costo della visita guidata è 10€ a persona (sono previste riduzioni e gratuità per bambini e ragazzi) + biglietto di ingresso di 3€.

Per prenotarsi:
drm-ero.prenotazionikainua@cultura.gov.it
☎️ 353 4412879
(dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.00)

13.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 15:00 à 17:00

Bambini, Famiglie, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Medie, Superiori

Emilia-Romagna, Ferrara, Portomaggiore

Museo Archeologico della Delizia Estense del Verginese

via Verginese 56, 44015 Gambulaga (FE) - Italia

Il Museo Archeologico è collocato al piano terra della Delizia Estense del Verginese, antica dimora di svago della famiglia d’Este, riconosciuta dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, testimonianza nel territorio ferrarese della grandezza e dell’importanza dei signori di Ferrara.
In esso si possono ammirare i reperti archeologici di epoca romana, provenienti da una piccola necropoli (I-II sec. d.C.), rinvenuta nel 2002 a pochi passi dalla Delizia che raccontano la storia, la vita quotidiana e le attività economiche di una famiglia in questo angolo di Impero Romano.

Visita guidata

IN COMPAGNIA DI AMBULASIA
Visita guidata esperienziale con guida in costume: sarà la capostipite della gens dei Fadieni, Ambulasia Anucioni, a raccontare lo stile di vita nel Delta del Po durante I sec. d.C. e la storia della sua famiglia.
Prenotazione obbligatoria.
Intero € 5,00
Ridotto € 3,00 (over 65 e bambini dai 6 agli 11 anni)
Durata ca. 2 ore
Per informazioni e prenotazioni:
tel. 335236673
verginese@atlantide.net

5.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 11:00 à 13:00 Sabato 17 giugno de 17:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva

Emilia-Romagna, Ferrara, Ferrara

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara

via XX Settembre, 122
44100 - Ferrara

http://archeoferrara.beniculturali.it/

Grazie alla collaborazione fra Soprintendenza, Direzione Regionale Musei e Musei civici, nella cornice della Sala degli Stucchi, per l'occasione aperta al pubblico, verranno presentate le ultime novità provenienti dal territorio Ferrarese, come i recenti ritrovamenti della piroga di Copparo e le scoperte effettuate a Frittelline, insieme a nuove acquisizioni. Durante l'evento verrà inoltre inaugurata l'esposizione didattica temporanea “L'archeologo in mostra“, pensata e realizzata da studenti delle Scuole medie di Copparo per promuovere la conoscenza e la consapevolezza della ricchezza del proprio territorio.

Conferenza

Voci dal territorio
Sabato 17 giugno

ore 10:00 - 12:00

Incontro con le archeologhe dott.ssa Carolina Ascari Raccagni della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara e dott.ssa Chiara Guarnieri, che presenteranno le ultime novità archeologiche emerse nel territorio Ferrarese.
Interverranno Flavia Amato, Francesca Aqui, Marco Bruni e Tiziano Trocchi.

Apertura al pubblico dell’esposizione didattica “L’archeologo in mostra“.

Sarà inoltre possibile visitare l'allestimento permanente del Museo, la mostra “Spina etrusca. Un grande porto nel Mediterraneo“ e i giardini di Palazzo Costabili.

Ingresso consentito con bigliettazione ordinaria e gratuità a norma di legge.
Non è necessaria la prenotazione.

Per informazioni:
053266299 - drm-ero.archeologico-fe@cultura.gov.it

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Ferrara, Ferrara

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara

Via XX settembre, 122 Ferrara

https://musei.emiliaromagna.beniculturali.it/musei/museo-archeologico-nazionale-di-ferrara

Il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara fu inaugurato nel 1935 ed espone i materiali provenienti dalla città etrusca di Spina, importante emporio del mondo antico tra la metà del VI e gli inizi del III secolo a.C. La storia del cinquecentesco Palazzo Costabili detto “di Ludovico il Moro”, riportato all’originario splendore con i restauri dell’architettura di Biagio Rossetti e degli splendidi affreschi del Garofalo e della sua scuola, si sposa con gli allestimenti del Museo, arricchiti da multiproiezioni, filmati e schermi digitali che accompagnano il visitatore nel percorso.

Porte aperte

Voci dal territorio
L'evento, pensato in occasione delle Giornate Europee dell'Archeologia il 17 giugno 2023 è votato alla diffusione delle ultime novità provenienti dal Ferrarese. Grazie ad una collaborazione fra Soprintendenza, Direzione Regionale Musei e Musei civici, nella cornice della Sala degli Stucchi, per l'occasione aperta al pubblico presso il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, verranno presentati recenti ritrovamenti - come la piroga di Copparo e le scoperte a Frittelline - insieme a nuove acquisizioni.
Durante l'evento verrà inoltre inaugurata l'esposizione didattica temporanea “L'archeologo in mostra“, pensata e realizzata da studenti delle Scuole medie di Copparo per promuovere la conoscenza e la consapevolezza della ricchezza del proprio territorio. Parteciperanno Flavia Amato, Francesca Aqui, Carolina Ascari Raccagni, Marco Bruni, Chiara Guarnieri e Tiziano Trocchi.
In occasione di “Voci dal territorio“ sarà inoltre possibile visitare l'allestimento permanente del Museo, la mostra “Spina etrusca. Un grande porto nel Mediterraneo“ e i giardini di Palazzo Costabili.
Bigliettazione ordinaria e gratuità a norma di legge.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

8.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 10:00 à 12:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Emilia-Romagna, Ferrara, Comacchio

Museo Delta Antico

Via Agatopisto, 2, 44022, Comacchio (Ferrara)

www.museodeltaantico.com

Il museo è incentrato sulle testimonianze dell'antico delta del Po, che per secoli ha costituito uno snodo di commerci e di civiltà, un importante punto di giunzione tra il mondo adriatico e mediterrano e l'Europa continentale.

Attraverso l’esposizione di quasi duemila reperti e grazie a suggestivi apparati di guida e descrizione è stata narrata la storia di questi luoghi dalla nascita della Pianura Padana, milioni di anni, fa sino al Medioevo, con particolare attenzione alle fasi di epoca classica, con la città etrusca di Spina, al mondo romano (con la nave romana ritrovata a Comacchio nel 1981 con l'intero suo carico), all'alto medioevo con la nascita di Comacchio che fino al IX secolo contese a Venezia

Visita guidata

VISITA GUIDATA AL MUSEO ARCHEOLOGICO OPEN AIR CON APERITIVO
Esclusiva visita guidata alla sezione open air presso Stazione Foce, dove si potranno apprezzare “dal vivo“ quella che un tempo doveva essere Spina. Si potrà infatti passeggiare tra due grandi abitazioni, in scala reale, interamente realizzate in legno e canne palustri, edificate seguendo gli indizi offerti dalle indagini archeologiche per mostrare quello che nel vero sito archeologico giace oggi sepolto sotto diversi metri di “storia”. Al termine, si potrà godere di questa suggestiva location per consumare un ottimo aperitivo.
Venerdì 16 e sabato 17, ore 18.00; €20.00 per gli adulti, € 12.00 ragazzi tra 11 e 18 anni, gratuito fino a 10 anni. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

20.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 18:00 à 20:00 Venerdì 16 giugno de 18:00 à 20:00

Famiglie, Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Assenza di barriere architettoniche, pienamente accessibile a persone con disabilità motoria.

Visita guidata

VISITA GUIDATA AL MUSEO DELTA ANTICO
Visita guidata ad aggregazione libera tra le sale del Museo Delta Antico, il quale, attraverso l’utilizzo di moderne tecnologie, scenografiche ricostruzioni di contesti, percorsi olfattivi dedicati, è il primo a raccontare la storia del territorio nella sua totalità.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Ore 11.00; € 6.00 + extra ticket da tariffario.

12.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 11:00 à 12:30

Bambini, Famiglie, Adulti

Accessibilità

Disabilità visiva

Assenza di barriere architettoniche per i disabili motori; banco tattile e percorso sonoro per i non vedenti.

Emilia-Romagna, Forlì-Cesena, Forlì

FumettoDANTEca International + Messico

51 via Eugenio Curiel
47121 Forlì FC Italia

La FumettoDANTEca International è l'esclusiva “Biblioteca Internazionale di Fumetti dedicati all'Opera e al Sommo Poeta Dante Alighieri“, unica a livello mondiale contiene oltre 500 documenti cartacei e digitali fumettistici danteschi. Per l'edizione 2023, proseguendo con l'annuale progetto didattico di ricerca, recupero, salvaguardia e promozione della produzione fumettistica dantesca, denominato 'Dante 702', si è attivata la collaborazione partecipativa con partnership dal Messico, nella figura del Dr. Cecilio Jacobo González “The Còmic Archaeologist“. Archeofumettologia propone 2 esposizioni online, 1 dall'Italia, 1 dal Messico, una esposizione consultabile, 3 aperture pubbliche straordinarie con visite guidate e un Video-Approfondimento con maxischermo nella sede della FumettoDANTEca.

Accoglienza di gruppi scolastici

Archeofumettologia Dantesca
La FumettoDANTEca International, l'esclusiva “Biblioteca Internazionale di Fumetti dedicati all'Opera e al Sommo Poeta Dante Alighieri“, unica a livello mondiale contiene oltre 500 documenti cartacei e digitali fumettistici danteschi, per l'edizione 2023, in partnership dal Messico col Dr. Cecilio Jacobo González “The Còmic Archaeologist“ propone visite guidate all'esposizione consultabile nelle 3 aperture pubbliche straordinarie con un Video-Approfondimento con maxischermo nella sede.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 14:00 à 18:00 Sabato 17 giugno de 14:00 à 18:00 Venerdì 16 giugno de 14:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Medie, Superiori

Visite guidate

Emilia-Romagna, Forlì-Cesena, Sarsina

Museo Archeologico Nazionale di Sarsina (FC)

Via Cesio Sabino, 39 Sarsina (FC)

https://musei.emiliaromagna.beniculturali.it/musei/museo-archeologico-nazionale-di-sarsina

Fondato nel 1890 è fra i più ‘antichi’ musei archeologici della regione ed ha conosciuto, lungo un secolo di vita, esperimenti e trasformazioni, fino all’assetto odierno di piena valorizzazione dei grandi monumenti sepolcrali d’epoca romana che caratterizzavano l’antica città di Sarsina. Occupa un edificio ampliato a più riprese da una fase originaria ottocentesca, e si trova al centro della cittadina che ricalca nel perimetro l’antica civitas romana di Sassina, nota per aver dato i natali verso il 254 a C. al celebre commediografo latino Plauto.

Visita guidata

Visita guidata, musica, laboratori didattici e degusatazione in museo
Sabato 17 giugno alle ore 20,00 visita guidata a cura del personale del museo e a seguire concerto di Jhonny e Franck -sax e tromba- un duo orgogliosamente sarsinate che animerà la serata nella suggestiva sala del mausoleo di Rufus, portandoci alla scoperta di sinergie e sonorità senza tempo.

Seguirà un piccolo aperitivo a buffet offerto dalla Pro Loco di Sarsina.

L’evento é fruibile senza prenotazione e a fronte del costo del solo biglietto di ingresso al museo ( euro 3, salvo gratuità di legge).

-------------------------------------------

Domenica 18 giugno il Museo aderisce con un evento unico realizzato in collaborazione con l’associazione di promozione culturale ed archeologia sperimentale LEGIO VI FERRATA APS dalle ore 14 e per tutto il pomeriggio.

Laboratori didattici, dimostrazioni pratiche, accampamenti...insomma, un pomeriggio che ci porterà a rivivere un vero e proprio spaccato della quotidianità romana....da 0 a 99 anni!

L’evento é fruibile senza prenotazione e a fronte del costo del solo biglietto di ingresso al museo ( euro 3, salvo gratuità di legge).

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 13:30 à 19:00 (Laboratori didattici)Sabato 17 giugno de 13:30 à 23:00 (Visita guidata, musica e degustazioni)

Bambini, Famiglie, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Emilia-Romagna, Modena, Spilamberto

Antiquarium, Museo Archeologico di Spilamberto (MO)

Corso Umberto I
41057 - Spilamberto (MO)

https://www.museoarcheologicospilamberto.it/

Le indagini avviate nel 2019 a Cava Fornace hanno evidenziato un’area antropizzata caratterizzata da uno strato di frequentazione databile alla seconda età del ferro che ha restituito molti reperti, tra i quali abbondante ceramica grigia e ceramica di tradizione non locale, oltre a una fibula celtica, probabilmente attribuibili alla presenza ligure e celtica tra IV e III secolo a.C.. Sul margine meridionale dell’area è stata individuata l’imboccatura di una fornace a pianta rettangolare, verosimilmente prossima ad un insediamento non ancora localizzato. Dato il buono stato di conservazione della struttura e l'importante significato per lo studio sul popolamento del territorio in epoca preromana, ne è stato disposto il distacco ai fini della musealizzazione presso il Museo di Spilamberto.

Esposizione

Un’antica fornace vista da vicino
Sabato 17 giugno

ore 17:00 - 19:00

Inaugurazione dell’esposizione al pubblico di una fornace dell’età del ferro, proveniente dallo scavo di Cava Fornace a Spilamberto (MO).

Interverranno la dott.ssa Vanessa Poli, Funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Ferrara e Reggio Emilia, l’Assessore alla Cultura del Comune di Spilamberto Carlotta Acerbi e il Gruppo Naturalisti di Spilamberto.

Evento gratuito senza necessità di prenotazione.

Per informazioni:
Comune di Spilamberto, Ufficio Cultura 059/789964
cultura@comune.spilamberto.mo.it

Gratuito

Sabato 17 giugno de 17:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Modena, Pavullo nel Frignano

Gaianello, Pavullo nel Frignano (MO)

località Gaianello
41026 - Pavullo nel Frignano (MO)

https://pavullonelfrignano.com/

Nell’ampio patrimonio di incisioni e iscrizioni rupestri dell’Appennino modenese si inseriscono i massi incisi di Gaianello, individuati all’interno dell’area della Cava “La Zavattona 9”. Si tratta di due affioramenti di arenaria caratterizzati da graffiti dalla datazione incerta e verosimilmente collegati alla sfera del sacro e al mondo rituale, che rappresentano segni cruciformi, cuppelle (avvallamenti a semisfera) e la cd. ‘faccia del diavolo, una raffigurazione schematica di volto umano. Riconosciuti come “segni dell’uomo” da tutelare all’interno del contesto paesaggistico in cui si inseriscono, i massi incisi sono stati dichiarati di interesse culturale per la loro importanza nella storia del territorio e nella formazione delle coscienze e dell’identità della popolazione locale.

Visita guidata

Il paesaggio e i segni dell’uomo: alla scoperta dei massi incisi di Gaianello
Sabato 17 giugno

ore 10:00 - 12:30

Inaugurazione degli interventi di valorizzazione del sito dei Massi di Gaianello e del sentiero CAI di collegamento fra i Massi di Gaianello ed il Ponte del Diavolo.

Programma:

Saluti istituzionali del Prefetto di Modena, del Soprintendente e del Sindaco di Pavullo

A seguire, illustrazione del percorso di tutela, conservazione e valorizzazione dei massi incisi tra archeologia e paesaggio a cura del Soprintendente arch. Francesca Tomba e dell'archeologa dott.ssa Sara Campagnari della Sabap-Bo e visita agli interventi a cura del progettista arch. Carla Ferrari.

Partecipazione libera senza necessità di prenotazione.

Punto di ritrovo:
parcheggio via Giardini Sud c/o cava “La Zavattona“ località Gaianello, Pavullo nel Frignano (MO)
→ https://goo.gl/maps/yVAEze259HQJhnUk7

Per informazioni: Comune di Pavullo nel Frignano
0536 29977 - urp@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it


Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 12:30

Adulti

Emilia-Romagna, Piacenza, Morfasso (PC)

San Salvatore di Tolla - Morfasso (PC) - Escursione archeologica

San Salvatore di Tolla - Morfasso (PC)

Escursione con visita guidata al sito archeologico del monastero di San Salvatore di Tolla a Morfasso. Dopo una passeggiata immersa nella natura si giungerà presso il sito dove verranno illustrati i risultati dei recenti scavi archeologici e dei restauri conservativi sulle murature medievali e moderne.

Visita guidata

Escursione archeologica
Escursione con visita guidata al sito archeologico del monastero di San Salvatore di Tolla a Morfasso. L’escursione di livello e difficoltà turistica, avrà un percorso di circa 3 Km lungo sentieri, carrarecce e asfalto per un dislivello positivo totale di circa 100 metri e raggiungerà i suggestivi resti del monastero medievale di San Salvatore, dove verranno illustrati i risultati degli scavi, delle attività di restauro e gli aspetti naturalistici della vallata (relatori: i funzionari della Soprintendenza ABAP per le Province di Parma e Piacenza arch. Ilaria Gallitelli, il Direttore del Museo Geologico G. Cortesi dott. Carlo Francou, l’archeologo dott. Luca Fornari ed il restauratore dott. Efisio Chessa). La passeggiata non presenta particolari difficoltà ma è comunque richiesta una buona attitudine alle camminate in montagna. Si richiedono obbligatoriamente calzature con suola scolpita e/o da trekking, abbondante scorta di acqua, giacca antivento. Consigliati bastoncini telescopici, occhiali da sole, cappellino, repellente insetti, maglietta di ricambio, snack o barretta energetica. L’escursione è organizzata dalla collaborazione tra Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Parma e Piacenza, dal Comune di Morfasso, dall’associazione Piacemilia Aps (piacemilia.it) e condotta dalle guide di EVA.
La prenotazione è obbligatoria: 3386576961, info@piacemilia.it, escursionieva@gmail.com

Gratuito

Domenica 18 giugno de 09:30 à 13:00

Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Piacenza, Pianello Val Tidone

Piana di San Martino, Pianello Val Tidone (PC) - visita guidata

Monte San Martino

Passeggiata con visita guidata presso il sito archeologico della Piana di San Martino (Pianello VT - PC), dove saranno illustrati i risultati delle recenti campagne di scavo che hanno interessato il sito fortificato tardo antico e l'evoluzione del suo popolamento sino all'epoca medievale.

Visita guidata

Passeggiata con visita guidata alla Piana di San Martino
Passeggiata con visita guidata nel sito archeologico della Piana di San Martino: recenti indagini stratigrafiche condotte dalla SABAP PR-PC, realizzate dai professionisti di Malena snc in collaborazione con il MAVT e l'Associazione Archeologica Pandora, hanno consentito di riscoprire la Storia del sito e la sua trasformazione nei secoli dalla tarda antichità fino al suo definitivo abbandono nel XVI sec. Non adatto a persone con difficoltà di deambulazione. Si consiglia di munirsi scarpe con suola non liscia, cappello e acqua. Prenotazione consigliata ma non obbligatoria. Per info e prenotazioni scrivere a info@museoarcheologicovaltidone.it .
L'evento è realizzato in collaborazione dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Parma e Piacenza e dal Museo Archeologico della Val Tidone.

Ritrovo ore 10.30 davanti al Teatro Comunale, viale Castagnetti (Pianello Val Tidone - PC)

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:30 à 13:00

Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Piacenza, Piacenza

Tomba Romana dell'Ospedale di Piacenza

via Cantone del Cristo,
29121 Piacenza PC

http://https//sabap-pr.cultura.gov.it/

TOMBA ROMANA DELL’OSPEDALE
La tomba, rinvenuta nel 1998 durante la costruzione del nuovo reparto ospedaliero e conservata all’interno di uno dei vani interrati, è stata recentemente oggetto di un intervento di restauro e valorizzazione che ne ha consentito la piena fruibilità. Scavata nelle ghiaie fluviali intorno alla seconda metà del II secolo a.C., la tomba in sesquipedali un tempo intonacati conservava al proprio interno resti umani e pregevoli reperti, tra cui due sontuosi letti funebri rivestiti in osso decorato, attualmente esposti a Palazzo Farnese. Il restauro, appena conclusosi, è stato realizzato con fondi ministeriali sotto la direzione scientifica della Soprintendenza di Parma e Piacenza. Visita guidata ore 16.30, ritrovo presso Basilica di S. Maria di Campagna

Emilia-Romagna, Piacenza, Travo

Parco Archeologico del villaggio neolitico di Travo S. Andrea

Via del Mulino 22
29020 Travo PC, Italie

https://parcoarcheologicoditravo.it/

PREISTORICA: Il villaggio sarà animato durante tutta la giornata secondo i criteri della living history, che permetterà di vivere un’esperienza di 6.000 anni fa. Le capanne saranno infatti animate da archeologi che metteranno in scena le attività che qui dovevano svolgersi durante il Neolitico. Un evento caratterizzato dal tema dell’alimentazione antica grazie alle dimostrazioni che si svilupperanno durante tutta la giornata, con l’accensione del fuoco, la cottura in fossa, la preparazione del formaggio e la possibilità di vedere gli elementi base della dieta neolitica. Sarà svolta anche una dimostrazione legata ai suoni della preistoria, che potranno essere ascoltati grazie a strumenti fedelmente riprodotti. Tutti gli orari delle dimostrazioni nel programma completo sul sito internet.

Emilia-Romagna, Piacenza, Travo

Parco Archeologico del villaggio neolitico di Travo S. Andrea

Via del Mulino, 22
29020 Travo PC, Italie

https://parcoarcheologicoditravo.it/

Il Parco Archeologico è stato recentemente teatro di ingenti lavori di restauro, messa in sicurezza e riqualificazione delle strutture archeologiche neolitiche conservate all’interno dell’area. Il progetto, finanziato dal Ministero della Cultura, coniuga le tradizionali tecniche di restauro alle innovative pratiche della bioedilizia, che ben si adattano alla qualità paesaggistica del luogo. Nella mattinata saranno presentate le problematiche conservative dell’area e le tecniche di lavorazione adottate, che affondano le radici nella tradizione artigianale e nei saperi tradizionali, avendo come aspetto prioritario non solo la tutela ma anche la sostenibilità. Il Parco Archeologico, dunque, come luogo di tutela e conservazione ma anche di sperimentazione e ricerca. Visita guidata: ore 10.30

Emilia-Romagna, Piacenza, Lugagnano Val D'Arda

Area Archeologica di Veleia Romana (PC)

Strada provinciale, 14
29018 Lugagnano Val d'Arda (PC), Loc. Veleia Romana

https://musei.emiliaromagna.beniculturali.it/musei/area-archeologica-di-veleia-romana

Veleia sorge nella Valle del Chero sugli Appennini alle spalle della città di Piacenza; un tempo una ricca città romana, ancora oggi testimonia, attraverso i suoi antichi resti, il suo importante passato. Il centro nacque nel territorio precedentemente occupato dalla antica popolazione dei Liguri Veleiates, sconfitti dai Romani nel II sec. a.C. dopo una lunga resistenza. L’abitato è distribuito su una serie di terrazze tra cui la più suggestiva è quella che ospita il foro, con il suo lastricato, il portico che lo circonda, le botteghe che vi si affacciavano ed infine la basilica.
A sud si trova un quartiere abitativo con un labirinto di stanze, mentre a fianco sorgono le terme. Infine nel piccolo, ma prezioso Antiquarium, è possibile vedere alcuni dei reperti archeologici qui rivenuti.

Spettacolo

IL SUONO DELLE PIETRE
Sabato 17 Giugno

- ore 17.30-18,30

- “IL SUONO DELLE PIETRE ”. Petite pièce

Il suono delle pietre di Pinuccio Sciola

Coro Montecastello – Parma

Esecutore su pietra e Direttore Giacomo Monica

Musiche su “pietra” / Musiche popolari armonizzazioni di A.Benedetti Michelangeli

In caso di maltempo il concerto si terrà nella Chiesa di S. Antonino, Veleia

Veleia sarà lo sfondo per le magiche melodie che nasceranno dal suono delle sculture di Pinuccio Sciola accompagnate dalle voci del Coro Montecastello di Parma.

- Per tutti

- Prenotazione non obbligatoria, concerto gratuito previo pagamento di ingresso all’area -

Contatti per informazioni: drm-ero.veleia@cultura.gov.it https://www.musei.emiliaromagna.beniculturali.it/musei/area-archeologica-di-veleia-romana

tel. 0523.807113

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 17:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Emilia-Romagna, Piacenza, Lugagnano Val D'arda

Area Archeologica di Veleia Romana (PC)

Strada provinciale, 14
29018 Lugagnano Val d'Arda (PC),
Loc. Veleia Romana

https://musei.emiliaromagna.beniculturali.it/musei/area-archeologica-di-veleia-romana

Veleia sorge nella Valle del Chero sugli Appennini alle spalle della città di Piacenza; un tempo una ricca città romana, ancora oggi testimonia, attraverso i suoi antichi resti, il suo importante passato. Il centro nacque nel territorio precedentemente occupato dalla antica popolazione dei Liguri Veleiates, sconfitti dai Romani nel II sec. a.C. dopo una lunga resistenza. L’abitato è distribuito su una serie di terrazze tra cui la più suggestiva è quella che ospita il foro, con il suo lastricato, il portico che lo circonda, le botteghe che vi si affacciavano ed infine la basilica.
A sud si trova un quartiere abitativo con un labirinto di stanze, mentre a fianco sorgono le terme. Infine nel piccolo, ma prezioso Antiquarium, è possibile vedere alcuni dei reperti archeologici qui rivenuti.

Spettacolo

Veleia Romana Revivit
Domenica 18 Giugno

- Ore 11,00-18,30

- Veleia Romana Revivit. L’associazione di rievocazione storica SPQR popolerà Veleia con aree didattiche che proporranno attività e allestimenti legati all’alimentazione nell’antica Roma, con assaggi di pietanze cucinate da un’”archeocuoca”, alla medicina, alle defixiones (malefici), alla cosmesi nel mondo antico, agli ornamenti, alla tessitura; ci sarà inoltre la possibilità per i bambini ed i ragazzi di imparare giocando, per esempio cimentandosi nella ricostruzione di una strada romana o degli archi di un acquedotto.


- Prenotazione non obbligatoria, attività gratuita previo pagamento di ingresso all’area -

Contatti per informazioni: drm-ero.veleia@cultura.gov.it https://www.musei.emiliaromagna.beniculturali.it/musei/area-archeologica-di-veleia-romana

tel. 0523.807113

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 11:00 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Emilia-Romagna, Ravenna, Ravenna

Museo Nazionale di Ravenna

via San Vitale 17
48121 Ravenna RA

Il nucleo originario delle raccolte deriva dal collezionismo intrapreso dai monaci delle abbazie più importanti della città, in particolare dagli abati di Classe, già nel ‘700. Le raccolte, divenute pubbliche, andarono a formare il primo museo cittadino, che divenne Nazionale alla fine del XIX secolo. Il patrimonio originale è andato poi arricchendosi grazie a donazioni private e materiali da scavo.
Il carattere originale del Museo è legato all'identità della città e dei suoi monumenti tardo-antichi: tra i reperti più prestigiosi si notino le evidenze dei monumenti paleocristiani e bizantini, tra cui capitelli marmorei, le transenne di San Vitale e la sinopia di Sant'Apollinare in Classe.

Circuito di scoperta

Dal locus “in Africisco“ al Museo. Sulle tracce di una chiesa “scoparsa“
Ci troveremo alle 17.15 in piazza A. Costa a Ravenna per osservare ciò che resta della chiesa dedicata all’Arcangelo nella regio detta “in Africisco”.
Proseguiremo poi verso il Museo Nazionale per ammirare i pregevoli manufatti riferibili alla chiesa e per approfondire la storia della più sfortunata delle fondazioni giulianee (VI secolo). La basilica infatti presentava tratti caratteristici ed elementi decorativi non più visibili in situ che meritano di essere indagati.

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 16 giugno de 17:15 à 19:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Emilia-Romagna, Ravenna, Russi

Villa romana di Russi (RA)

Via Fiumazzo
48026 Russi (RA)

https://musei.emiliaromagna.beniculturali.it/musei/villa-romana-di-russi

L’area archeologica della Villa romana si trova appena fuori dall'attuale centro urbano di Russi all’interno di un Area di Riequilibrio Ecologico, dove la vegetazione e la fauna sono composte da molte specie tipiche della pianura padana, ma non più visibili nelle zone fortemente antropizzate.

La Villa romana, rivenuta negli anni ’50 del 1900, costituisce uno degli esempi meglio conservati di villa urbano-rustica dell’Italia settentrionale ed esemplifica una delle tante residenze appartenenti a proprietari terrieri che punteggiavano le campagne dell’Emilia Romagna in età romana. Il suo aspetto attuale è il risultato di ampliamenti e trasformazioni successive databili tra la tarda età repubblicana (fine II - inizio I secolo a.C.) e la media età imperiale (II secolo d.C.)

Visita guidata

La Villa romana di Russi: tra antichi pavimenti a mosaico e strutture produttive.
Sabato 17 giugno 2023 ore 16:30 visita guidata a cura dell'archeologa direttrice dell'area, dott.ssa Federica Timossi, della restauratrice del Gruppo Mosaicisti Ravenna dott.ssa Anna Caterino, alla scoperta di una delle ville romane urbano-rustiche meglio conservate dell'Italia settentrionale.
Una passeggiata immersi nel verde per scoprire ricchi ambienti con pavimenti a mosaico, di cui verranno raccontati i recenti restauri, e strutture dedicate alle attività agricole, tra cui si conserva un torcularium per la pigiatura dell'uva.

Apertura prolungata dell'area archeologica dalle ore 9.30 alle ore 18.30

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 17 giugno de 16:30 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Porte aperte

Apertura prolungata della Villa romana di Russi
Domenica 18 giugno l'area archeologica della Villa romana di Russi effettuerà un'apertura prolungata dalle ore 9.30 alle ore 18.30.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 09:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie

Emilia-Romagna, Reggio nell'Emilia, Carpineti

Monte Sassoso, Ceriola di Carpineti (RE)

Parco Pubblico di Carpineti - Largo Alpini, 1
42033 - Carpineti (RE)

https://comune.carpineti.re.it/

Monte Sassoso è una propaggine rocciosa nell’Appennino Reggiano alle cui pendici, in località Ceriola, è stata recentemente individuata un’area con diverse tracce di lavorazione della roccia. A partire dal 2020 nel sito si sono svolte tre campagne di scavo affidate al Comitato Scientifico CAI di Reggio Emilia con il coordinamento della SABAP-BO, che hanno portato alla luce alcuni reperti ceramici e svariate buche di palo. Allo stato attuale delle ricerche si può ipotizzare che il sito sia stato frequentato già durante l’età del ferro, V sec. a.C., per essere poi nuovamente oggetto di attività umana durante l’età medievale, con la creazione di un villaggio rupestre fortificato databile tra il XIII e il XIV secolo, posto a controllo della sottostante vallata del fiume Secchia.

Visita guidata

Il sito d’altura di Monte Sassoso, loc. Ceriola (Carpineti, RE)
Sabato 17 giugno

ore 9:00 - 12:30

Con la guida dei volontari del Comitato Scientifico CAI, la visita al sito archeologico si snoderà salendo per un breve percorso nell'area boschiva circostante fino a raggiungere le strutture murarie già messe in luce, dove la Dott.ssa Monica Miari della Soprintendenza e la Dott.ssa Anna Losi, archeologa del CS CAI ci forniranno le informazioni dettagliate sulle ricerche in corso.

Evento gratuito, massimo 60 partecipanti.

Copertura assicurativa necessaria:
compresa per i soci Cai • 2 euro per i non soci

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA tassativamente entro mercoledì 14 giugno 2023 ore 12,00 a:
0522.718086 - biblioteca@comune.carpineti.re.it (fornendo per motivi assicurativi nome, cognome, data di nascita, numero di cellulare)

Il ritrovo è fissato alle h. 9,00 presso il Parco Pubblico di Carpineti; con successivo trasferimento (con mezzi propri) a Ceriola. Il rientro è previsto entro le h. 12,30.

In caso di forte maltempo, l'evento sarà rinviato a a data da destinarsi.

[consigliato abbigliamento da trekking, scarponcini o scarpe comode, bottiglietta acqua, cellulare carico, macchina fotografica]

Gratuito

Sabato 17 giugno de 09:00 à 12:30

Adulti

Friul-Venezia Giulia, Pordenone, Torre di Pordenone

Villa romana (Pordenone, loc. Torre )

Pordenone, loc. Torre - Via Vittorio Veneto, dentro il Parco comunale del Noncello

La messa in luce della villa si deve al conte Giuseppe di Ragogna che tra il 1950 e il 1952 scavò le strutture di parte di un vasto complesso residenziale-produttivo, collocato presso l’attuale corso del fiume Noncello, riccamente decorato con raffinati intonaci affrescati e marmi pregiati.
La parte esposta e visitabile del complesso è caratterizzata da un impianto termale e vari altri ambienti, che permettono di ricostruire la funzione e la ricchezza di questa struttura. La Villa costituisce un esempio particolare di insediamento produttivo e residenziale nel Friuli occidentale romano.

Circuito di scoperta

Apertura straordinaria con percorso assistito
Apertura straordinaria con percorso assistito
Domenica 18 giugno – Ore 10.30 - 12.30

Partenza del percorso assistito alle ore 10.30 e alle ore 11.30

A cura di Eupolis Studio Associato

È inoltre possibile prenotare al seguente link:
http://bit.ly/eupolis_prenotazioni

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:30 à 12:30

Qualunque pubblico

Friul-Venezia Giulia, Trieste, Duino Aurisina

Grotta del Mitreo (Duino Aurisina - TS)

Grotta V.G. 4024 - QHMX+M4 Duino Aurisina-Devin Nabrežina, Provincia di Trieste

https://sabapfvg.cultura.gov.it/soprintendenza/aree-archeologiche/

Grotta del dio Mitra, divinità di origine iranica connessa con il ciclo del sole e delle stagioni.
La grotta carsica, frequentata fin dall’età neolitica, fu adattata in epoca romana (dal II al V secolo d.C.) a luogo di culto del Mitraismo, religione salvifica giunta nella Roma imperiale grazie alle legioni di stanza in Oriente. Nella suggestiva ambientazione della Grotta sarà possibile osservare i calchi dei rilievi in calcare rinvenuti all’interno del sito, assieme ad alcune iscrizioni con i nomi di offerenti.

Porte aperte

Apertura dell’area archeologica
Apertura dell’area archeologica
Sabato 17 giugno– Ore 10.00-12.00
Période(s) archéologique(s) :

Protostoria, Antichità

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 12:00 et de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità uditiva

Friul-Venezia Giulia, Trieste, Trieste

Basilica Paleocristiana

Trieste, via della Madonna del Mare, 11

https://sabapfvg.cultura.gov.it/soprintendenza/aree-archeologiche/

Edificio a croce latina, con abside poligonale, che fu costruito in due momenti, tra l’inizio del V e l’inizio del VI secolo. Di notevole interesse è la pavimentazione a mosaico, di due differenti fasi: la prima mostra decorazioni geometriche bianche e nere, la seconda si arricchisce di motivi policromi. Nel tappeto musivo più recente è interessante la presenza di iscrizioni che riportano i nomi e le professioni dei benefattori della chiesa.

Porte aperte

Apertura dell’area archeologica
Apertura dell’area archeologica
Domenica 18 giugno – Ore 10.00-12.00

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità uditiva

Friul-Venezia Giulia, Trieste, Trieste

Antiquarium di Via del Seminario

Trieste, via del Seminario, 2

https://sabapfvg.cultura.gov.it/soprintendenza/aree-archeologiche/

All’interno dell’Antiquarium sarà visitabile il tratto delle mura tardorepubblicane volute da Ottaviano nel 33-32 a.C. per difendere la colonia di Tergeste, arroccata sulla sommità del colle di S. Giusto. All’inizio del II sec. d.C. le mura, ormai defunzionalizzate, servirono da struttura di contenimento e di terrazzamento per gli edifici costruiti a monte: qui si vede una vasca pavimentata in cotto, probabilmente impiegata nella lavorazione dell’olio.

Porte aperte

Apertura dell’area archeologica
Apertura dell’area archeologica
Sabato 17 giugno – Ore 10.00-12.00
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 12:00 et de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità uditiva

Friul-Venezia Giulia, Udine, Aquileia

Giornate Europee dell'Archeologia ad Aquileia

Tutte le aree archeologiche

https://www.discoveraquileia.com/giornate-europee-archeologia-2023-aquileia/

Open-day dei cantieri di scavo, aperture straordinarie, passeggiate e laboratori per bambini, archeologia sperimentale e visite guidate, conferenze e musica per il fine settimana delle Giornate europee dell’Archeologia.

Dimostrazione

Lavorazione sperimentale di vetro con forno romano
Lavorazione di vetro con tecniche antiche utilizzando un forno sperimentale, alimentato a legna e costruito con materiali e caratteristiche strutturali romane. Attività a cura di Fondazione Aquileia. Partecipazione gratuita senza prenotazione.

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:30 à 13:00 Sabato 17 giugno de 10:30 à 13:00 et de 16:30 à 19:00 (Attività anche in orario serale dalle 20.30 alle 22.00)

Qualunque pubblico

Porte aperte

Archeo Open Day: visite con l'archeologo ai cantieri di scavo
Aree: Foro – Decumano e mura a zig-zag – Grandi Terme – Teatro – Porto Fluviale – Sponda orientale del porto fluviale – Domus dei Putti danzanti – Antichi Mercati (Fondo Pasqualis) – Domus di Tito Macro – Domus (Fondo Cal) – Sepolcreto.
A cura di: Fondazione Aquileia, Università di Padova, di Trieste, di Udine, di Venezia e di Verona, Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del FVG. Ingresso libero senza prenotazione.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:30 à 13:00 et de 16:30 à 19:00

Bambini, Famiglie, Adulti

Visita guidata

Passeggiata teatralizzata per bambini - Aquileia Lab
Un originale dialogo attraverso due tappe (la Domus di Tito Macro e il Porto fluviale) muniti di passaporto parlante e con un personaggio del passato che ha reso eterna la memoria della città di Aquileia.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 16:30 à 17:30 et de 18:00 à 19:00

Bambini

Visita guidata

Passeggiata teatralizzata per bambini - Aquileia Lab
Un originale dialogo attraverso tre tappe (il Decumano di Aratria Galla, il Foro romano e il Porto fluviale) con un personaggio del passato che ha reso eterna la memoria della città di Aquileia.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 09:00 à 10:00 et de 10:30 à 11:30

Bambini

Friul-Venezia Giulia, Udine, Cividale del Friuli

Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli

Piazza Duomo, 13

https://museoarcheologicocividale.beniculturali.it/

Il Museo Archeologico Nazionale di Cividale è un museo indissolubilmente legato al suo territorio e oggi, a duecento anni dalla sua fondazione, la vera sfida è quella di restituire l’immagine autentica e affascinante della storia di questa istituzione, raccontando le scoperte avvenute nella città e nel suo agro e le significative tappe dell’evoluzione urbana, con particolare attenzione alle trasformazioni avvenute tra l’età tardoromana e l’altomedievo.

Conferenza

Popoli e culture nell’Europa altomedievale
Venerdì, 16 giurno, ore 17.00 conferenza Popoli e culture nell’Europa altomedievale, a cura di Angela Borzacconi. Un incontro di approfondimento sui temi archeologici più identitari del Museo Archeologico Nazionale di Cividale, in occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2023.
Un’occasione in più per rendere il nostro patrimonio accessibile a tutti, sottolineando il ruolo e il senso della ricerca, della tutela e della valorizzazione per un patrimonio da tramandare alle future generazioni.

Gratuito

Venerdì 16 giugno de 17:00 à 18:30

Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Friul-Venezia Giulia, Udine, Aquileia

MUSEO PALEOCRISTIANO DI AQUILEIA

Piazza Pirano 1 - 33051

https://museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it/

STORIE DI VITA NELLE ISCRIZIONI DEL MUSEO PALEOCRISTIANO
Percorso tematico in occasione di #GEA2023

SABATO 17 GIUGNO - ORE 11
MUSEO PALEOCRISTIANO - Piazza Pirano 1, Aquileia

Le antiche iscrizioni cristiane di Aquileia prendono vita grazie al racconto di Francesca Beltrame del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana.

Partecipazione gratuita. Prenotazione consigliata a: bookshopmanaquileia@gmail.com / 0431 91016.

Visita guidata

STORIE DI VITA NELLE ISCRIZIONI DEL MUSEO PALEOCRISTIANO
Percorso tematico in occasione di #GEA2023

SABATO 17 GIUGNO - ORE 11
MUSEO PALEOCRISTIANO - Piazza Pirano 1, Aquileia

Le antiche iscrizioni cristiane di Aquileia prendono vita grazie al racconto di Francesca Beltrame del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana.

Partecipazione gratuita. Prenotazione consigliata a: bookshopmanaquileia@gmail.com / 0431 91016.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 11:00 à 12:30 à 00:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Medie, Superiori

Friul-Venezia Giulia, Udine, Aquileia

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI AQUILEIA

Via Roma 1 - 33051 Aquileia

https://museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it/

ARCHEOLOGIA A COLORI. LA POLICROMIA E L'USO DEI PIGMENTI NELLA SCULTURA ANTICA.
Conferenza in occasione di #GEA2023

SABATO 17 GIUGNO - ORE 17
MAN AQUILEIA - Via Roma 1, Aquileia

E se le statue del MAN di Aquileia celassero tracce di vivaci colori? Nel corso della conferenza, Monica Salvadori e Ivana Angelini presenteranno il progetto di ricerca sulla policromia e l'utilizzo dei pigmenti nella scultura antica dell'Università di Padova, che ha visto coinvolte alcune delle sculture più note della collezione aquileiese.

Partecipazione gratuita. Prenotazione consigliata a: bookshopmanaquileia@gmail.com / 0431 91016.

Conferenza

Archeologia a colori. La policromia e l'uso dei pigmenti nella scultura antica.
E se le statue del MAN di Aquileia celassero tracce di vivaci colori? Nel corso della conferenza, Monica Salvadori e Ivana Angelini presenteranno il progetto di ricerca sulla policromia e l'utilizzo dei pigmenti nella scultura antica dell'Università di Padova, che ha visto coinvolte alcune delle sculture più note della collezione aquileiese.

Partecipazione gratuita. Prenotazione consigliata a: bookshopmanaquileia@gmail.com / 0431 91016.

Gratuito

Qualunque pubblico

Scuole :

Medie, Superiori

Friul-Venezia Giulia, Udine, Aquileia

Aquileia, Casa Bertoli (Via Patriarca Popone, 6)

Aquileia, Via Patriarca Popone, 6

Lungo il viale che conduce a piazza Capitolo e alla basilica, si trova casa Bertoli, dal nome del canonico Gian Domenico Bertoli che nel Settecento vi abitò e che pubblicò una delle prime ricerche antiquarie sull’antica città.
L’edificio risale almeno al XIII secolo, ma subì diversi rifacimenti ed abbellimenti nel corso dei secoli, quando ospitava alcuni dei canonici di Aquileia.
Uno dei decani del Capitolo, Doimo Valvason, intervenne nel 1478 sulla facciata, decorandola con un motivo a scacchi bianchi e rossi e realizzando la bella finestra a crociera del salone centrale, tuttora visibile sopra la porta carraia. Altri rifacimenti risalgono al Seicento, soprattutto nel settore meridionale dell’edificio.
A cura dell’Associazione Nazionale per Aquileia APS (per info assaquileia@libero.it)

Porte aperte

Apertura straordinaria
Apertura straordinaria e visita guidata
Sabato 17 giugno – Ore 10.00 - 13.00/ Ore 15.00 - 19.00

A cura dell’Associazione Nazionale per Aquileia APS (per info assaquileia@libero.it).

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:00 à 13:00 et de 15:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Friul-Venezia Giulia, Udine, Udine

Museo Archeologico - Castello di Udine

Piazzale della Patria del Friuli, 1

https://www.civicimuseiudine.it

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia il Museo Archeologico - Civici Musei di Udine propone una visita guidata che condurrà alla scoperta dei siti cittadini indagati negli ultimi 30 anni, primo fra tutti il colle del Castello, oggetto di recentissime scoperte che ne hanno rivelato l’origine antropica. Il percorso,attraverso la comprensione delle attività scientifiche alla base della ricerca archeologica, consentirà di immaginare come potesse essere il centro storico di Udine in diversi momenti del passato.
La visita prende spunto dal “Progetto Archeologia Urbana a Udine”, grazie al quale è stato possibile fare il punto della situazione, ripercorrere, riprendere o rivedere i risultati di alcune delle indagini compiute in città a partire dalla fine degli anni ‘80.

Visita guidata

Trent'anni di archeologia in città
In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia il Museo Archeologico - Civici Musei di Udine propone una visita guidata che condurrà alla scoperta dei siti cittadini indagati negli ultimi 30 anni, primo fra tutti il colle del Castello, oggetto di recentissime scoperte che ne hanno rivelato l’origine antropica. Il percorso, attraverso la comprensione delle attività scientifiche alla base della ricerca archeologica, consentirà di immaginare come potesse essere il centro storico di Udine in diversi momenti del passato.
La visita prende spunto dal “Progetto Archeologia Urbana a Udine”, grazie al quale è stato possibile fare il punto della situazione, ripercorrere, riprendere o rivedere i risultati di alcune delle indagini compiute in città a partire dalla fine degli anni ‘80.

Sabato 17 giugno, partenza alle ore 10.30 davanti all’ingresso principale del Castello (lato sud). Durata 90 min. Termine della visita in Piazza Venerio.
Visita gratuita con iscrizione obbligatoria tramite mail micaela.piorico@comune.udine.it

Gratuito

Sabato 17 giugno de 10:30 à 12:00

Adulti

Lazio, Frosinone, Arce

Parco Archeologico di Fregellae

SS. 82 Valle del Liri km
84,600, Arce

In epoca repubblicana, Fregellae rappresentò uno dei più importanti centri del mondo romano, costituendo una delle principali colonie latine del Lazio meridionale. Fondata da Roma nel 328 a.C. fu brutalmente distrutta dagli stessi Romani nel 125 a.C. Gli scavi, condotti a partire dalla fine degli anni 70’, hanno consentito di riportare alla luce le vestigia dell’antica città con le sue case e le terme che, allo stato attuale, rappresentano il più antico complesso termale fin qui scoperto nel mondo romano.

Spettacolo

Visita guidata con personaggi in costume storico
Visita guidata con personaggi in costume storico accompagnata dalla possibilità di effettuare (su prenotazione) laboratori didattici per bambini (5-11 anni)

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 09:00 à 12:30 et de 17:00 à 18:30 (Domenica 18 giugno)

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità mentale

Percorsi disabili in manutenzione (termine lavori settembre 2023)

Lazio, Frosinone, Castrocielo

Aquinum

Via Latina, 03030, Castrocielo, Frosinone

https://aquinum.wordpress.com

L’antica città di Aquinum sorgeva nella media valle del Liri, ai piedi del gruppo del monte Cairo (m. 1.669) in una vasta area pianeggiante lambita ad est da tre antichi laghi oggi prosciugati e bonificati (Vallone di Aquino), dove scorre un corso d’acqua, affluente di sinistra del Liri, denominato Le Forme d’Aquino. Attualmente la città si estende, per la gran parte, nel territorio comunale di Castrocielo (Fr), così come l’area archeologica recentemente inaugurata.
Dal 2017 Aquinum è Monumento Naturale Regionale (D.P.R.L. 29 settembre 2017, n. 161 B.U.R. 12 ottobre, n. 82; S.O. n. 1) costituito da due zone, una di 129 ettari con i resti monumentali della città tardo repubblicana e imperiale e l’altra di 3 ettari, istituita a tutela della zona umida della sorgente Capo d'Acqua.

Workshop

Il SOTTOSOPRA di Aquinum
Visite guidate alla scoperta dei luoghi sotterranei di Aquinum e laboratori con il gruppo di Roma Sotterranea

Gratuito

Sabato 17 giugno de 11:00 à 12:00 Sabato 17 giugno de 15:00 à 16:00 Domenica 18 giugno de 15:00 à 16:00

Qualunque pubblico

Conferenza

Il mosaico della domus dello Stibadium
Conferenza della Dott.ssa Valentina Vincenti

Gratuito

Domenica 18 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Visita guidata
Visite guidate all'interno dell'area archeologica

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:00 à 11:00 Sabato 17 giugno de 10:00 à 11:00

Qualunque pubblico

Lazio, Frosinone, Ceprano (FR)

Museo Archeologico di Fregellae "A. Maiuri"

Corso della Repubblica, 2

https://linktr.ee/museofregellae

Anche quest'anno il MAF aderisce alle giornate GEA 2023, che prevede due visite guidate DOMENICA 18 GIUGNO, una alle ore 12:00 e un'altra alle ore 18:00.
Grazie alla collaborazione con BikeSquare Ciociaria, durante la giornata sarà possibile noleggiare E-Bike per scoprire il Museo Archeologico di Fregellae a Ceprano e il Parco Archeologico di Fregellae ad Arce in un percorso unico immerso tra le campagne ciociare.

Sono disponibili anche accessori per bambini come follow-me, seggiolini e rimorchio adatti a tutte le età!

Per info e prenotazioni delle E-Bike:
Giorgio 3455026242, su Instagram e Facebook: bikesquare_ciociaria

Visita guidata

Visita guidata all'interno del Museo
Viene nelle nostre sale per scoprire la storia di Fregellae, la colonia che osò ribellarsi a Roma!

2.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 12:00 à 13:00 et de 18:00 à 19:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Circuito di scoperta

Scopri Fregellae con BikeSquare Ciociaria
Grazie alla collaborazione con BikeSquare Ciociaria, durante la giornata sarà possibile noleggiare E-Bike per scoprire il Museo Archeologico di Fregellae a Ceprano e il Parco Archeologico di Fregellae ad Arce in un percorso unico immerso tra le campagne ciociare.

Sono disponibili anche accessori per bambini come follow-me, seggiolini e rimorchio adatti a tutte le età!

Per info e prenotazioni:
Giorgio 3455026242, @bikesquare_ciociaria

20.00 €

Domenica 18 giugno de 12:00 à 00:13 et de 18:00 à 19:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Lazio, Latina, Terracina

Foro Emiliano

Piazza Municipio

Visite culturali al Foro Emiliano di Terracina (I sec. a.C.-I sec. d.C.) con i resti dei suoi monumenti e le strutture dell'adiacente teatro romano, queste ultime visibili dall'esterno poiché l'area è in fase di scavo. Il lastricato del Foro Emiliano costituisce un esempio unico di pavimentazione di età romana, ancora in uso dopo circa 2.000 anni con funzione di centro primario della vita amministrativa, civile e religiosa della città.
Le visite sono organizzate dalla Sede di Terracina dell'Archeoclub d'Italia.

Visita guidata

Il Foro Emiliano e i suoi monumenti
Visite culturali al lastricato del Foro Emiliano e ai resti degli edifici sacri nelle sue vicinanze (venerdì 16 giugno), al teatro romano dall'esterno (sabato 17 giugno) e al sistema sostruttivo dall'esterno (domenica 18 giugno).
La prenotazione è obbligatoria al n. 3383485765.
Per informazioni in italiano: tel. 0773701443; e-mail win1196@libero.it
Per informazioni in inglese: ross.renzelli@libero.it

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 16 giugno de 18:00 à 20:00 (Appuntamento a Piazza Municipio - Per prenotazioni: tel. 3383485765.)Sabato 17 giugno de 18:00 à 20:00 (Appuntamento a Piazza Municipio - Per prenotazioni: tel. 3383485765.)Domenica 18 giugno de 10:30 à 12:30 (Appuntamento a Piazza Municipio - Per prenotazioni: tel. 3383485765.)

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Appia antica regina viarum

via Appia antica 42 Roma

http://www.cerealialudi.org

passeggiata accompagnata con narrazioni drammatizzate dedicate alle figure storiche femminili dell'Appia antica e ai viaggiatori del grand tour, promossa da MThI, Club di Territorio di Roma del TCI, Comitato Roma150, Pontieri del Dialogo, Archeoclub d'Italia dell'Etruria Meridionale. Giornata di svolgimento il 20 maggio, con tre turni dalle 9.30 alle 11,30

Visita guidata

Appia antica regina viarium
passeggiata accompagnata lungo l'Appia antica alla scoperta delle figure femminili dell'antichità e luogo l'itinerario dei viaggiatori del grand tour

Gratuito

Sabato 17 giugno de 09:30 à 11:00 et de 10:00 à 11:30 (primo gruppo e secondo gruppo)

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità visiva

accompagnate dai volontari dell'associazione Pontieri del Dialogo

Lazio, Roma, Roma

Appia antica Regina Viarum Le donne, i viaggiatori e i musicisti del Grand Tour

via Appia Antica, 42

http://www.cerealialudi.org

in ragione del grande successo di adesioni, si replica anche al 21 giugno il programma del sabato, con un focus anche sui musicisti del Grand Tour per la Festa Europea della Musica

Circuito di scoperta

passeggiata accompagnata
passeggiata lungo l'Appia antica alla scoperta della donne, dei viaggiatori e dei musicisti del Grand Tour in occasione anche della Festa della Musica

Gratuito

Domenica 18 giugno de 10:30 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità visiva

se accompagnati

Lazio, Roma, Civitavecchia

La Colonna Traiana e il porto di Centumcellae

3, via Braccianese Claudia
00053 Civitavecchia

https://www.lemusenews.it

Evento online. Attività di ricerca di carattere storico a cura della giornalista Sara Fresi (laureata magistrale in storia e società), verrà pubblicata sul quotidiano web Le Muse News (www.lemusenews.it), nella sezione “Attività di Ricerca“.
Link al documento integrale: https://www.lemusenews.it/wp-content/uploads/2023/03/La-Colonna-Traiana-e-il-porto-di-Centumcellae.pdf

Contenuto digitale

La Colonna Traiana e il porto di Centumcellae
Evento online. Ricerca di carattere storico a cura di Sara Fresi (giornalista e laureata magistrale in storia e società).
Link al documento integrale: https://www.lemusenews.it/wp-content/uploads/2023/03/La-Colonna-Traiana-e-il-porto-di-Centumcellae.pdf

Gratuito

Domenica 18 giugno de 16:00 à 18:00 Sabato 17 giugno de 16:00 à 18:00 Venerdì 16 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

La Colonna Traiana e il porto di Centumcellae

Gratuito

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Nei fossati del Pantheon, sulle tracce dei percorsi archeologici inediti del sito

Piazza della Rotonda
00186 Roma RM

https://www.direzionemuseistataliroma.beniculturali.it/istituti/pantheon/

Situato nella parte centrale del Campo Marzio, il Pantheon, tempio dedicato a tutti gli Dei, è uno degli edifici meglio conservati dell'antichità, grazie alla sua trasformazione in chiesa cristiana nel 609 d.C.
I fossati, collocati sui fianchi laterali del corpo cilindrico, ad una quota corrispondente a quella di calpestio di epoca romana, conservano affascinanti resti di edifici di età imperiale come i Saepta Iulia, luogo di riunione dei comizi centuriati e la Basilica di Nettuno, il cui utilizzo originario è ancora oggi oggetto di dibattitto tra gli studiosi.
In occasione delle Giornate dell’Archeologia, l'area dei fossati verrà eccezionalmente aperta al pubblico per consentire l’inedita visita di un ambito poco noto in uno dei complessi monumentali più rilevanti della Roma Imperiale

Circuito di scoperta

Attorno al Pantheon: percorso archeologico
In un suggestivo itinerario guidato da un assistente alla fruizione del Ministero della Cultura, visiteremo l'area archeologica attorno al Pantheon, alla scoperta di un ambito monumentale normalmente chiuso al pubblico. Percorreremo il piano di calpestio di epoca romana, attraverso i resti degli edifici situati nell'area centrale del Campo Marzio, in quel luogo mitico della storia di Roma che ancora oggi alimenta curiosità e interesse culturale da tutto il mondo. Visita gratuita in italiano alle ore 11.30 di sabato 17 giugno.

Gratuito

Sabato 17 giugno de 11:30 à 12:30

Adulti

A causa del percorso disagevole, si pregano i visitatori di prestare la massima attenzione e di indossare calzature adeguate.

Lazio, Roma, Roma

Pantheon

Piazza della Rotonda
00186 Roma RM

https://www.direzionemuseistataliroma.beniculturali.it/istituti/pantheon/

Situato nella parte centrale del Campo Marzio, il Pantheon, tempio dedicato a tutti gli Dei, è uno degli edifici meglio conservati dell'antichità, grazie alla sua trasformazione in chiesa cristiana nel 609 d.C.
Sia l’esterno che l’interno del monumento raccontano una storia di quasi 2000 anni: il pronao, le colonne, i marmi policromi, nonché la spettacolare cupola sono testimonianze inarrivabili della magnificenza della Roma Imperiale, dal suo apogeo durante il principato di Adriano, quando il Pantheon attuale fu terminato, fino alla gloria ritrovata dopo la consacrazione del sito alla Vergine di tutti i martiri nel 609 d.C.

Visita guidata

Dalla visione di Agrippa alla contemporaneità

Gratuito

Domenica 18 giugno de 16:00 à 17:00 Venerdì 16 giugno de 16:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Tusculum - Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma

Via di S. Eufemia, 13, 00187 Roma RM, Italia

Programa de actividades de la Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma para las JEA 2023, centrado en el yacimiento de Tusculum.

CONTACTO PRENSA Y MÁS INFORMACIÓN: Antonio Pizzo (antonio.pizzo@eehar.csic.es) y Valeria
Beolchini (valeria.beolchini@eehar.csic.es)

Porte aperte

Jornada de Puertas Abiertas XXVI campaña de excavación en Tusculum (Monte Porzio Catone, Roma)
Difusión de los resultados del Proyecto Tusculum a investigadores, estudiantes, profesores y público en general. Implicación de la comunidad local en las
actividades arqueológicas de la EEHAR-CSIC

La Jornada de Puertas Abiertas será organizada en colaboración con la XI Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini, ente público propietario del yacimiento.

CONTACTO: Antonio Pizzo (antonio.pizzo@eehar.csic.es) y Valeria Beolchini (valeria.beolchini@eehar.csic.es)

Gratuito

Sabato 17 giugno de 09:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Villa dei Quintili | Parco Archeologico dell'Appia Antica

Ingresso in Via Appia Nuova 1092 e Via Appia Antica 251
Roma

https://www.parcoarcheologicoappiaantica.it/

L’area archeologica della Villa dei Quintili conserva i resti di una delle più grandi e lussuose residenze dell’antica Roma. Appartenuta ai fratelli Quintili, la villa era di una tale estensione e di un tale sfarzo da risvegliare l’invidia dell’imperatore Commodo, che li fece assassinare per trasferirvi la propria residenza. Gli ingressi si trovano in via Appia Antica 251 e in via Appia Nuova 1092. Presso questa entrata, si trova l’antiquarium conserva reperti provenienti dalla Via Appia Antica e dalla Villa stessa. Il nucleo principale della villa è composto da una serie di cortili e vani di rappresentanza, un grande impianto termale e gli ambienti della residenza privata, oltre a edifici per l’intrattenimento, ovvero un teatro e un circo per le corse dei cavalli.

Visita guidata

Alla scoperta di Villa dei Quintili
Guidati dal personale del Parco Archeologico dell'Appia Antica, visiteremo l'area archeologica di Villa dei Quintili, alla scoperta dei resti della nota villa di età romana che ancora oggi alimenta curiosità e interesse culturale in tutto il mondo.

8.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 18 giugno de 10:00 à 11:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

-->